02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
COLLEZIONISMO

Tortellini, Lambrusco e Parmigiano e cannoli e Passito, nella Collezione Numismatica 2021

La Zecca di Stato “conia” in moneta i prodotti simbolo dell’enogastronomia made in Italy. E tra Dante ed Ennio Morricone, c’è anche la Nutella

Una moneta con sul “dritto” un tortellino “ripieno” di una bottiglia di Lambrusco, e delle Torri della Grisenda e degli Asinelli con il galletto simbolo della Caveja, il rosone del Duomo di Modena e l’Arco di Augusto di Rimini, e sul “rovescio”, i tortellini ed un mattarello, uno spicchio di Parmigiano Reggiano con il tipico coltellino, un uovo, un calice di Lambrusco e un piatto in ceramica di Faenza; ma c’è anche quella con i cannoli siciliani con il loro inconfondibile ripieno di ricotta e frutta candita su un piatto di ceramica di Caltagirone, accompagnati da un calice di Passito di Pantelleria, da un lato, e, dall’altro, il Tempio della Concordia della Valle dei Templi di Agrigento, il Teatro Antico di Taormina, un ramo di mandorlo, il mare e la Trinacria, la testa femminile con le tre gambe piegate; un’altra, infine, raffigura da una parte un inconfondibile vasetto, quello della Nutella, e, dall’altra, il più grande stabilimento italiano del Gruppo Ferrero, quello di Alba. Nella nuova Collezione Numismatica 2021, la Zecca di Stato celebra anche l’enogastronomia italiana ed i suoi simboli, “coniandola” nelle monete i cui soggetti - 15 in tutto - sono ispirati alla storia, all’arte, allo sport, alla scienza, alla natura ed alle eccellenze del cibo e del vino, ovvero alle bellezze dell’Italia. Ma anche all’attualità, con le tematiche della nuova edizione che “vogliono rappresentare un sentimento di unione e coesione nazionale che trova espressione nella celebrazione di personaggi, avvenimenti storici e artisti simbolo della nostra tradizione e della nostra cultura imprenditoriale, ma anche nella gratitudine nei confronti di chi, nell’ultimo anno segnato dalla pandemia da Covid-19, ha messo senza riserve la propria professiocnalità al servizio della collettività”.
Accanto alla celebrazione di Dante Alighieri nei 700 anni dalla morte del Sommo Poeta, di Caravaggio nei 450 anni della nascita di uno dei più grandi geni dell’umanità, dell’anniversario n. 150 di Roma Capitale d’Italia, e di altrettanti dall’invenzione del telefono da parte di Antoni Meucci, ma anche del grande maestro e compositore italiano Ennio Morricone, dei Campionati del Mondo di Sci Alpino 2021, e delle professioni sanitarie in prima linea nella lotta alla pandemia, l’omaggio ai simboli della cucina e dell’enologia italiana nelle monete da 5 euro della Serie Cultura Enogastronomica (online da domani), è dedicato all’Emilia Romagna tra tortellini, Lambrusco e Parmigiano, veri e propri portapandiera non solo del loro territorio ma di tutto il Belpaese, ed alla Sicilia, con i cannoli, quel “Tubus farinarius dulcissimo edulio ex lacte fartus” citato persino da Cicerone nel 70 a.C., ed il dolce Passito di Pantelleria, la cui pratica di coltivazione in viticoltura eroica della vite ad alberello Zibibbo è Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco. Ma c’è anche un prodotto cult, universalmente amato in tutto il mondo, forse il più amato, e che non ha bisogno di presentazioni, nella Serie dedicata alle Eccellenze Italiane: la Nutella, la crema da spalmare alle nocciole e al cacao, e lo stabilimento dove la Ferrero fu fondata negli anni Quaranta, nel cuore delle Langhe.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli