Slow Wine 2024
Allegrini 2024
EVENTI

Tra degustazioni, masterclass ... e mostra-mercato: a Piacenza debutta la “Fiera dei Vini”

Dal 18 al 20 novembre, con cantine come Zymè, Gianfranco Fino, Fenech, Maculan, Collavini, Villabella, Bulichella, Boasso e non solo
FIERA DEI VINI, PIACENZA, vino, Italia
Mostra-mercato, tra degustazioni e masterclass: debutta la “Fiera dei vini” di Piacenza

Dalla griffe della Valpolicella, Zymè, a Gianfranco Fino Viticoltore, tra i riferimenti del vino di Puglia, da Fenech, simbolo della Malvasia delle Lipari, in Sicilia, a Maculan, che nei Colli Vicentini ha segnato la storia del Torcolato, da Eugenio Collavini, tra i nomi più celebri del Collio, in Friuli Venezia Giulia, da Vigneti Villabella, cantina che tocca tutte le denominazioni pi importanti del Veneto (dalla Valpolicella a Soave, da Custoza al Lugana, a Bardolino), da Bulichella, immersa nella campagna Toscana a Suvereto, a UvaMatris, tra le colline del Monferrato, de Boasso, dalla Langhe, a Gigante, ancora dal Collio: sono solo pochissime cantine che saranno protagoniste della “Fiera dei Vini”, edizione n. 1 (che ha sostituito, di fatto, la mostra-mercato dei Vignaioli Indipendenti - Fivi, trasferita a BolognaFiere, ndr), appuntamento dedicato ai winelovers ed operatori horeca, di scena a Piacenza Expo dal 18 al 20 novembre 2023. Sono già oltre 200 le cantine italiane ed estere, con una partecipazione importante di realtà biologiche. “Piacenza è in fermento e si sta preparando - spiega Alessandra Bottani, la manager della “Fiera dei Vini” di PIacenza Expo - ad accogliere al meglio i produttori protagonisti e gli enoappassionati che verranno all’appuntamento con tante attività collaterali”.
Nella tre giorni, a Piacenza, i winelovers potranno acquistare direttamente le etichette degustate ai banchi d’assaggio ed approfondire la conoscenza di terroir e metodi produttivi attraverso sei masterclass, che vedranno come protagonisti produttori ed i loro vini più rappresentativi (da i rossi del Belpaese in “Da nord a sud Italia: i grandi territori dipinti di rosso”, in compagnia di Antonello Maietta, Former President Ais Associazione Italiana Sommelier, giornalista e divulgatore enogastronomico, a “Quando il Metodo Classico è moderno: l’eleganza dello spumante italiano” con Roberto Donadini, presidente Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori - Fisar, dal tasting “Tra complessità, longevità e territorialità: il fascino dei bianchi che sfidano il tempo” con la giornalista e degustatrice Fosca Tortorelli ai vini dolci e passiti con “Dolci espressioni, colori e territori della nostra Penisola”, condotta da Vito Intini, presidente Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino - Onav). Il 20 novembre, nata per permettere a sommelier e addetti ai lavori una visita ottimale, di scena “L’abc dell’olio”, un approfondimento per scoprire insieme a Fosca Tortorelli il mondo dell’olio extravergine d’oliva, le qualità e i profumi che lo caratterizzano. A chiudere l’offerta formativa il tasting gratuito “Il Mito della Malvasia - Malvasia Myth”, legato ad un progetto di cooperazione mediterranea.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli