02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TURISMO E SAPORI

Tra piatti tipici, fave e pecorino, 1 maggio a tavola in agriturismo per 400.000 turisti in Italia

Così la Coldiretti. In 10 anni giro d’affari dei 23.000 agriturismi del Belpaese cresciuto a 1,3 miliardi di euro (+24%)
1 MAGGIO, AGRITURISMO, Coldiretti, ITALIA, Non Solo Vino
Fave e oecorino, prodotti tipici del 1 maggio italiano in tavola

Dopo i ponti di Pasqua e del 25 aprile, domani arriva il 1 maggio, festa dei lavoratori, che in Italia, 400.000 persone, tra italiani e stranieri, passeranno a tavola negli agriturismi del Belpaese. A dirlo la Coldiretti, che ricorda anche come ormai, in generale, oltre 1/3 della spesa in vacanza in Italia è destinata alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche in mercati, feste e sagre di Paese.
“L’alimentazione non solo è diventata la principale voce del budget turistico ma spesso - sottolinea la Coldiretti - e spesso indirizza le destinazioni. Tanto che nella scelta della meta del viaggio il 59% dei turisti italiani valuta come importante o importantissima la presenza di un’offerta enogastronomica e fra le esperienze più apprezzate ci sono, nell’ordine, la visita a un’azienda agricola (39%), di una cantina (31%) e di un caseificio (27%), secondo l’ultimo Rapporto sul turismo enogastronomico 2019”.
E per il 1 maggio, “se le grigliate sono molto diffuse lungo tutta la Penisola, non mancano le portate tipiche dei diversi territori a partire dalle fave con il pecorino, due prodotti della tradizione agroalimentare nazionale conosciuti entrambi fin dal tempo degli antichi romani ed irrinunciabili sulle tavole della Festa dei Lavoratori nel centro Italia dal Lazio al Molise, dalle Marche all’Abruzzo”, sottolinea ancora Coldiretti.
“Sono oltre 23.000 gli agriturismi presenti nella Penisola - conclude la Coldiretti - per un fenomeno che negli ultimi dieci anni ha visto un vero e proprio boom, con percentuali di crescita in doppia cifra, dal numero di aziende (+32%) a quello dei posti a tavola (+37%), dai posti letto (+40%) alle piazzole di sosta (+67%), fino allo stesso valore economico del settore, salito a 1,36 miliardi (+24%), secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli