02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PERICOLO DAZI

Usa, dalla minaccia dei dazi alla concorrenza del Sud America: le riflessioni di Sandro Boscaini

I dati Istat parlano di una crescita delle esportazioni del +5,1% nei primi 9 mesi 2019, ma per il presidente Federvini il quadro non è incoraggiante
DAZI USA, EXPORT, FEDERVINI, SANDRO BOSCAINI, USA, vino, Italia
Sandro Boscaini, presidente di Federvini e Masi Agricola

“Mettendo assieme la complessità e la gravità dello scenario per la viticoltura europea collegato ai dazi Usa ma anche ad altre situazioni critiche, in primis la Brexit, il quadro generale si presenta davvero preoccupante e giustifica l’apprensione dei nostri operatori e delle loro organizzazioni”. Parola di Sandro Boscaini, presidente Federvini e alla guida della griffe dell’Amarone Masi Agricola, che, a pochi giorni dalla decisione di Washington sull’imposizione o meno di nuovi dazi sui prodotti europei (il sistema di consultazione del Dipartimento del Commercio Americano chiuderà il 13 gennaio), sempre nel quadro dell’annosa querelle Airbus-Boeing, che andrebbero a colpire, nella peggiore delle ipotesi, anche il vino, con tariffe fino al 100%, sottolinea l’ottimo andamento delle spedizioni enoiche italiane verso gli Stati Uniti che, secondo i dati Istat, ha toccato 1,14 miliardi di euro, nei primi 9 mesi 2019, in crescita del +5,1%.
Dati incoraggianti, ma come ricorda Federvini
“non possiamo dimenticare che il tema dei dazi aleggiava fin dalla primavera del 2019, quindi una parte dell’export verso gli Usa può risultare “drogata” dagli aumenti di scorte che gli stessi importatori hanno sollecitato ai produttori in vista della possibile applicazione dei dazi. Questi maggiori quantitativi, se da un lato concorrono ad alimentare dei totali export positivi per l’Italia, trovano andamenti analoghi anche per i maggiori Paesi dell’Unione Europea concorrenti, Francia e Spagna. Per vedere gli effetti dei dazi scattati a metà ottobre, che hanno colpito i vini francesi e spagnoli, dovremo attendere invece ancora qualche mese. Però, in questo momento, senza entrare nel dettaglio delle singole tipologie e delle singole aziende produttrici, - continua Federvini - abbiamo un elemento di tensione ulteriore, perché proprio in virtù del maggior livello delle scorte, gli importatori/distributori americani potrebbero essere tentati di agire autonomamente sui livelli di prezzo”.
A proposito di concorrenza, sul mercato Usa non ci sono certo solo i vini europei, e la “minaccia” per il vino italiano rischia di arrivare da molto più lontano (o vicino, se ossercva dal punto di vista di Washington). “Dobbiamo affrontare una duplice criticità: le problematiche dei dazi che pesano sul nostro made in Italy e sul made in Europe e la competizione aggressiva di Paesi produttori extra Europei pronti a trarne vantaggio”, riprende Boscaini, che esprime le sue preoccupazioni di ritorno da un viaggio nelle aree di produzione dell’Argentina, Cile e Brasile. “In America Latina l’industria vinicola si è sempre più estesa e qualificata, ed è oggi attrezzata per affrontare il mercato globale. In particolare l’Argentina può contare sul vantaggio competitivo di una recente forte svalutazione che riduce i prezzi all’export a fronte di vini di buonissima qualità e di moderno marketing. Anche il Brasile sta sempre più individuando aree viticole ad alta vocazione e sopperisce ormai in buona parte al consumo interno diminuendo le quote dell’import. Infine, l’export del vino cileno conta su tipologie e brand ben conosciuti e radicati”.
In un quadro tanto complesso non aiuta certo l’instabilità geopolitica seguita all’attacco Usa all’Iran in terra irachena. “Se l’accordo Usa/Cina apriva delle speranze sulla possibilità di dialogo tra Usa e Ue - spiega il presidente Federvini - lo scenario anche politico di queste ultime ore ha fatto smorzare l’ottimismo. Tuttavia, proprio questo scenario mostra che le azioni isolate di Paesi come Italia, Francia e Spagna servono a poco: occorre piuttosto uno sforzo importantissimo da parte di tutti i Paesi proprio per rilanciare il ruolo della Ue. In questo senso la missione del Commissario al Commercio Hogan appare quanto mai tempestiva ed utile. È questa la strada, è questo l’unico modo per mostrare la vera forza dell’Europa. Oggi - conclude Sandro Boscaini - fare previsioni su possibili nuovi scenari che si dovessero aprire da febbraio è compito impraticabile: tutte le energie devono essere dedicate alla trattativa con le amministrazione del Governo e con il Presidente Usa”.

Focus - La guerra dei dazi, tra Boeing, Airbus e Digital Tax
Come detto, dal 15 ottobre numerosi prodotti europei sono stati colpiti con dazi all’import del 25% ad valorem, come misura di bilanciamento per gli aiuti garantiti al Consorzio Europeo Airbus che il WTO ha riconosciuto illegittimi. L’Italia si è trovata colpita nel settore lattiero-caseario, con gli aperitivi ed i liquori, con alcune tipologie di insaccati; mentre Spagna e Francia hanno visto colpiti i propri vini, ma nel caso della Francia non lo Champagne. La procedura dei dazi compensativi, consente delle finestre temporali nelle quali il Paese che si è visto riconosciuto il diritto di applicare dei dazi, può modificare la lista dei prodotti e/o il livello dei dazi. Il dipartimento del Commercio Americano, ha dato avvio a inizio dicembre alle procedure per eventualmente ricorrere a tale normativa, chiamata “carosello”: ha ripubblicato in un’unica lista tutti i prodotti che possono essere tecnicamente sottoposti a dazi al loro ingresso negli Usa ed ha chiesto agli “interessati” di pronunciarsi su un eventuale innalzamento dei dazi dal 25% fino al 100%.
Federvini aveva già messo in allarme i produttori europei, inclusi i produttori di vini italiani, visto che tornava in ballo la possibilità di un loro coinvolgimento. Il sistema di consultazione del Dipartimento del Commercio Americano rimarrà aperto fino al 13 gennaio 2020, poi il Dipartimento trarrà le sue conclusioni: qualora decidesse di adottare delle modifiche rispetto alle decisioni accolte il 15 ottobre scorso, il provvedimento potrebbe andare in vigore a partire da metà febbraio 2020. Ecco quindi il motivo del fiorire di dichiarazioni preoccupate e dell’azione congiunta delle organizzazioni della filiera vitivinicola italiana che hanno sollecitato il Ministro degli Affari Esteri e del Commercio Internazionale a porre grande attenzione al dossier.
Le preoccupazioni sono quindi legate solo al dossier Boeing/Airbus? No, nel frattempo è sorto un nuovo fronte di rischio: la Francia che per prima ha adottato quel che viene definita la digital tax (su sollecitazione della Commissione Ue) si è vista minacciare di una contromisura per le proprie esportazioni di vini e Champagne negli Usa, visto che le maggiori aziende del settore informatico sono americane. Italia e Turchia hanno adottato delle digital taxes a partire dal 1° gennaio 2020 e sono pertanto anche loro finite nel mirino del dipartimento del commercio americano che potrebbe individuare prodotti originari dei due Paesi commercializzati negli Usa per compensare gli interessi americani.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli