02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BENEFICENZA IN CANTINA

Vini solidali, dal Prosecco Docg al Chianti Classico, da Follador Prosecco a Castello di Meleto

La realtà veneta a fianco della Fondazione Vialli e Mauro contro Sla e Cancro, la storica cantina del Gallo Nero all’associazione “Noi per Voi”

La solidarietà del vino non si ferma, neanche in questa fino anno così complicata. E tante sono le iniziative a sostegno di chi è in difficoltà che vedono protagoniste cantine e territori: per esempio, nelle terre patrimonio Unesco del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, si rinnova per il settimo anno consecutivo la partnership tra la storica Follador Prosecco e la Fondazione Vialli e Mauro, voluta dai due calciatori Gianluca Vialli e Massimo Mauro, impegnata nella ricerca contro la Sla e contro i cancro.

Nel dettaglio, saranno i pluripremiati Prosecco Docg Extra Dry e Brut al centro della raccolta fondi, “vestiti” per l’occasione dall’artista inglese Gary Redford, che negli astucci che contengono le bottiglie ha raffigurato in primo piano il prestigioso treno Venice Simplon-Orient-Express, con una panoramica sui vigneti della Famiglia Follador. “Riteniamo molto importante sostenere le iniziative che supportano il progresso della Ricerca in campo medico, a maggior ragione in un momento particolare come quello che stiamo attraversando - sottolinea con profonda convinzione Cristina Follador, Sales & Marketing Director - da molti anni offriamo il nostro contributo alla Onlus di Vialli e Mauro: sono certa che si tratti di valori condivisi da tutti i nostri amici ed estimatori, ai quali auguriamo di trascorrere serenamente le imminenti feste nel nome della solidarietà”. “In un periodo incerto e complicato per tutti, anche per chi come noi si occupa di filantropia, crediamo che l’emergenza sanitaria non debba far abbassare la guardia su altre ‘partite’ che ancora vanno giocate con tutte le forze possibili - ribadiscono Gianluca Vialli e Massimo Mauro - Insieme a Follador da anni facciamo gioco di squadra per non mollare mai e per questo motivo chiediamo a tutti di unirsi a noi per continuare a sostenere la Ricerca. Brindiamo insieme ad un 2021 migliore. Grazie”.

In Chianti Classico, invece, è Castello di Meleto, realtà che affonda le proprie radici nel 1200, a sostenere l’Associazione Genitori Noi per Voi Onlus, nata nel 1986 per iniziativa di genitori di bambini affetti da patologie tumorali, ricoverati presso l’ospedale pediatrico di Firenze. Bambini che, a causa delle basse difese immunitarie, sono più fragili anche in questo difficile momento legato alla pandemia da Coronavirus. Per sostenere lo straordinario lavoro dei 100 volontari attivi e dei circa 3000 soci, il Chianti Classico Castello di Meleto vestirà per il terzo anno i colori dell’Associazione. Con un’etichetta che riporterà disegni e frasi per spiegare il mondo di Noi per Voi, il messaggio sociale potrà raggiungere ogni angolo d’Italia per promuovere una raccolta fondi il cui ricavato andrà totalmente a favore delle attività dell’associazione, basata principalmente su donazioni. Un’iniziativa che permetterà, a chi vorrà, di regalare un vino due volte buono, sia per il significato etico che per le qualità organolettiche.

“Da alcuni anni sosteniamo questa realtà coraggiosa, fornendo senza guadagno il nostro vino Chianti Classico Docg e promuovendo la vendita presso il nostro shop on line ( https://shop.noipervoi.org/natale/542-classico-natale-cesta-n5.html) e nei canali dell’associazione. Acquistando e regalando una bottiglia ognuno può contribuire con un piccolo gesto”, afferma il direttore Michele Contartese. “Noi X Voi ha sostenuto in questi anni 1200 famiglie. Le sue attività vanno dal supporto nell’assistenza dei malati a casa al sostegno nelle attività scolastiche svolte presso l’Ospedale fino alla ricerca scientifica che ha portato a brevettare oltre 4 anni fa un metodo per sperimentare un farmaco per combattere le leucemie chemioresistenti” afferma il presidente dell’associazione Sergio Aglietti.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli