02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ASTE D’ECCEZIONE

Vino e charity: 170.000 dollari per “No Kid Hungry”, grazie a Primum Familiae Vini (Pfv)

La cifra raccolta nell’asta di 12 grandi bottiglie delle famiglie, battuta nel ristorante tristellato Le Bernardin a New York

Quando il grande vino incontra la beneficenza, il successo è assicurato. Ma, a volte, i risultati sono davvero memorabili. Come i 170.000 dollari raccolti per “No Kid Hungry”, organizzazione che si batte per sradicare la fame e la povertà, dall’asta dei grandi vini selezionati personalmente da 12 membri delle Primum Familiae Vini, associazione che riunisce 12 delle più importanti cantine “di famiglia” del vino europeo - di cui fanno parte Marchesi Antinori, Baron Philippe de Rothschild, Joseph Drouhin, Domaine Clarence Dillon, Egon Muller Scharzhof, Famille Hugel, Pol Roger, Famille Perrin, Symington Family Estates, Tenuta San Guido, Familia Torres e Vega Sicilia - battuta, nei giorni scorsi, da Sotheby’s, nella cena a Le Bernardin, ristorante tre stelle Michelin a New York, dello chef Eric Ripert.
Grandi vini, presentati direttamente dai produttori (Vega Sicilia Único 1953, Graham’s Vintage Port 1970, Familia Torres Mas La Plana 1970, Weingut Egon Müller Scharzhofberger Trockenbeerenauslese 1975, Famille Hugel Riesling Sélection de Grains Nobles 1976, Tenuta San Guido Sassicaia 1998, Joseph Drouhin Musigny Grand Cru 1992, Marchesi Antinori Tignanello 1982, Champagne Pol Roger Brut Vintage 1985, Château Mouton Rothschild 1986, Château Haut-Brion Rouge 1989 e Château de Beaucastel Hommage à Jacques Perrin 1989 Jeroboam): “sono immensamente orgoglioso - commenta Marc Perrin - che le Primum Familiae Vini continuano nella loro lunga tradizione di raccogliere fondi per azioni di charity, e “No Kid Hungry” è un’associazione davvero efficace e meritevole di questa donazione”. Ultimo passo di un percorso lungo, iniziato nel 1995, e che ha visto la Primum Familiae Vini raccogliere, da allora, 3 milioni di dollari donati in beneficenza, a supporto soprattutto di chi si occupa di bambini in difficoltà e di ospedali specializzati.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli