02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LO SCENARIO

Vino italiano, il record di 8 miliardi all’export nel 2022 è sempre più vicino

Le proiezioni di Coldiretti su dati Istat. Ma preoccupano il caro prezzi e gli “healt warning” in etichetta, autorizzati in Irlanda dall’Ue
alcol, Coldiretti, ETICHETTE, EXPORT, IRLANDA, vino, Italia
Il vino italiano tra export, inflazione e non solo (Ph: Andrea Piacquadio via Pexels)

I dati Istat sulle esportazioni di vino aggiornate ad ottobre 2022 usciranno solo tra pochi giorni. Ma salvo clamorose sorprese, nelle casse delle cantine italiane, dai mercati del mondo, nell’anno appena concluso dovrebbe essere arrivata la cifra record di oltre 8 miliardi di euro. Un boom delle esportazioni, in valore, già “profetizzato” dalla Federvini, anche se, come sottolineato da Unione Italiana Vini, positivo ma non troppo, visto che sarebbe dovuto più all’effetto inflazione che ad una crescita nei volumi.
In ogni caso, a ribadire che la soglia degli 8 miliardi di euro di export dovrebbe essere superata nel 2022, è ancora una volta la Coldiretti, con le proiezioni sui dati Istat, anche in seguito all’autorizzazione Ue concessa all’Irlanda che potrà adottare un’etichetta per vino, birra e liquori, come già ampiamente raccontato ieri, con le reazioni delle più importanti rappresentanze della filiera, “con avvertenze terroristiche, che non tengono conto delle quantità, come “il consumo di alcol provoca malattie del fegato” e “alcol e tumori mortali sono direttamente collegati” nonostante i pareri contrari di Italia. Francia e Spagna e altri sei Stati Ue, che considerano la misura una barriera al mercato interno, e l’annuncio della stessa Commissione di possibili iniziative comuni sull’etichettatura degli alcolici”, ribadisce l’organizzazione agricola.

Stati Uniti, Germania e Regno Unito, nonostante la Brexit, salgono sul podio dei principali clienti del vino italiano, ma in fortissima crescita - sottolinea la Coldiretti - sono le vendite anche in Francia, concorrente storica. A pesare sulla prima voce dell’export agroalimentare nazionale sono però gli aumenti dei costi di produzione diretti o indiretti a causa del caro energia. Nei vigneti si registrano infatti rincari che vanno dal +170% dei concimi al +129% per il gasolio. “Una bottiglia di vetro - spiega la Coldiretti - costa fino al 50% in più rispetto allo scorso anno, mentre il prezzo dei tappi ha superato il 20% per quelli di sughero e addirittura il 40% per quelli di altri materiali. Per le gabbiette per i tappi degli spumanti gli aumenti sono nell’ordine del 20% ma per le etichette e per i cartoni di imballaggio si registrano rispettivamente rincari del 35% e del 45%, secondo l’analisi Coldiretti”. E come detto, nell’anno appena iniziato, “a preoccupare è anche il via libera dell’Unione Europea alle etichette allarmistiche sul vino in Irlanda che rappresentano un pericoloso precedente che - afferma la Coldiretti - rischia di aprire le porte a una normativa comunitaria allarmistica e ingiustificata, capace di influenzare negativamente le scelte dei consumatori. L’ autorizzazione della Commissione fa seguito infatti a ripetuti blitz a livello comunitario come il tentativo di escludere il vino, insieme a carne e salumi, dai finanziamenti europei della promozione nel 2023, sventato anche grazie all’intervento della Coldiretti. Un approccio ideologico nei confronti di un alimento che fa parte a pieno titolo della dieta mediterranea e conta diecimila anni di storia e le cui tracce nel mondo sono state individuate nel Caucaso mentre in Italia si hanno riscontri in Sicilia già a partire dal 4100 a.c. ll dibattito su questo genere di indicazioni è infatti iniziato nel 2021 quando la Commissione europea aveva discusso di introdurre nelle etichette delle bottiglie di alcolici delle avvertenze per la salute nell’ambito del cosiddetto “Cancer plan”, oltre agli ingredienti dettagliati”.“E’ del tutto improprio assimilare l’eccessivo consumo di superalcolici tipico dei Paesi nordici al consumo moderato e consapevole di prodotti di qualità ed a più bassa gradazione come la birra e il vino che in Italia è diventato l’emblema di uno stile di vita lento, attento all’equilibrio psico-fisico che aiuta a stare bene con se stessi, da contrapporre all’assunzione sregolata di alcol” afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “il giusto impegno dell’Unione per tutelare la salute dei cittadini secondo la Coldiretti non può tradursi in decisioni semplicistiche che rischiano di criminalizzare ingiustamente singoli prodotti indipendentemente dalle quantità consumate”.
Ma entro l’anno, ricorda la Coldiretti, è atteso anche il pronunciamento definitivo nei confronti della richiesta di registrazione tra le menzioni tradizionali del Prosek croato, un vino dolce da dessert tradizionalmente proveniente dalla zona meridionale della Dalmazia, contro la quale l’Italia ha fatto ricorso con opposizioni presentate dall’Italia ed anche direttamente da Coldiretti per il rischio di evocazione e confusione nel consumatore.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli