02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Vino, nel 2021 in degustazione il primo Champagne fermentato in oro, firmato Leclerc Briant

Il vino della maison biodinamica affinato nella botte, creata da GD Industries, fatto con le uve del vigneto La Croisette, “mai toccato dalla chimica”
BOTTE D'ORO, CHAMPAGNE, LECLERC BRIANT, Mondo
Vino, nel 2021 in degustazione il primo Champagne fermentato in oro firmato Leclerc Briant

Gli appassionati di vino sono sempre a caccia di particolarità e novità. E dovranno aspettare fino al 2021 per poter degustare il primo champagne prodotto con la fermentazione in botti d’oro. A firmarlo, come giù riportato in passato da WineNews, la maison Champagne Leclerc Briant, che ha annunciato la data di rilascio al magazine Uk “The Drink Business”.
Lo champagne, annata 2016, sarà prodotto dalla fermentazione nelle botti da 228 litri, fatte di acciaio all’esterno, ma rivestite di oro a 24 carati all’interno, create dall’azienda specializzata GD Industries. E sarà un vino prezioso in assoluto, visto che le uve arrivano dal vigneto La Croisette, una parcella di Chardonnay ad Epernay, che fa parte dei 14 ettari di proprietà della Maison. Vigneto che ha una particolarità, perchè se tutta l’azienda è gestita secondo i criteri della biodinamica, nel vigneto La Croisette, spiega l’azienza, non è mai stata toccata da prodotti chimici di sintesi.
Una scelta, quella dell’oro, dovuta al fatto che, spiega lo “chef de cave” Hervet Jestin, “l’oro amplifica i livelli dell’attività del sole durante la prima fementazione, e crea connessioni con l’attività del cosmo”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli