02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EVENTI IN PANDEMIA

“Wine Paris & Vinexpo Paris” sarà in scena a giugno 2021? Vinexposium: “aspettiamo fine marzo”

Il ceo dell’organizzatore francese, Rodolphe Lameyse, a “Vitisphere”: “ogni giorno notizie sanitarie contraddittorie, difficile farsi un’idea”
Eventi, PANDEMIA, VINEXPOSIUM, vino, Mondo
Il Ceo di Vinexposium, Rodolphe Lameyse

La grande incertezza che regna sugli eventi in calendario nel 2021 non è, ovviamente, solo questione italiana. Quale sia lo stato d’animo in cui ci si muove lo dicono bene le parole di Rodolphe Lameyse, direttore Vinexposium, in articolo del magazine specializzato “Vitisphere” che definisce la situazione di chi cerca di organizzare fiere e appuntamenti in questo secondo anno di pandemia come una “vera tortura cinese”. Il riferimento è alle possibilità che si tenga davvero “Wine Paris & Vinexpo Paris”, ad ora in calendario a Parigi dal 14 al 16. Lo scenario chiaramente è di grande incertezza, perchè sebbene manchino ancora più di 3 mesi alla kermesse, è evidente che un punto fermo vada messo con un certo anticipo, per quanto possibile, per permettere agli organizzatori e agli eventuali espositori e visitatori di poter fare tutte le valutazioni del caso. “Aspetteremo fino alla fine di marzo, tre mesi prima dell’evento, a seconda dell’evoluzione della situazione - dice ancora Rodolphe Lameyse - ogni giorno riceviamo notizie sanitarie contraddittorie. È difficile farsi un’idea. Nel frattempo, stiamo facendo progressi nella preparazione di “Wine Paris & Vinexpo Paris” e stiamo intensificando i nostri sforzi su Vinexposium.Connect, la nostra piattaforma digitale che completa i nostri eventi fisici”.
La stessa indecisione è vissuta dalla Fédération des Vignerons Indépendants di Francia, che ad ora hanno in calendario il Salon des Vins des Vignerons Indépendants più o meno negli stessi giorni, dall’11 al 13 giugno 2021, sempre a Parigi.

Ma anche in questo caso, ad oggi, di concreto non c’è nulla più di una speranza: “stiamo aspettando tra metà marzo e i primi di aprile il via libera da parte dei Ministeri della Salute e dell’Interno, così come delle prefetture. Servirà ancora un po’ di pazienza”. Del resto, molto ovviamente dipende dall’evoluzione del quadro sanitario, e dalle decisioni delle amministrazioni: “preferiremmo avere certezze, il problema per noi è proprio la mancanza di risposte da parte delle autorità”, commenta ancora Rodolphe Lameyse a “Vitisphere”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli