02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Aperte le offerte per la sezione online della maestosa asta di beneficenza (16 novembre) dei Masters of Wine, la più prestigiosa istituzione della formazione enoica del mondo, con 108 lotti, tanta della migliore Italia del vino e anche WineNews

Italia
Al via le offerte on line per l’asta dell’Insitute of Masters of Wine

Saranno davvero pochi i fortunati che, nel corso della serata di gala dell’Insitute of Masters of Wine del prossimo 16 novembre, potranno disputarsi a suon di offerte e rilanci i 18 incredibili superlot che compongono il catalogo dell’asta di beneficenza dell’ente più prestigioso del mondo del vino globale (https://goo.gl/tRGRQR), dove l’Italia sarà rappresentata da nomi che non hanno bisogno di introduzioni come Antinori, Frescobaldi e Sassicaia, tra le terre del Brunello e Bolgheri passando per il Chianti Classico (https://goo.gl/qoJShW). Tuttavia, l’asta di autofinanziamento per l’Endowment Fund dell’Istituto è anche composta da una, ben più corposa, che si svolgerà online tramite la collaborazione con la prestigiosa casa d’aste Bonhams, e proprio da oggi, tramite il sito della auction house, sarà possibile avanzare offerte e rilanci per i 108 lotti che la compongono, fino al 21 novembre (https://goo.gl/mwaqAE).
108 lotti che rappresentano il meglio del meglio del vino dei cinque continenti, dalla “Vecchia Europa” al “Nuovo Mondo”, dagli Stati Uniti all’Australia e dalla Nuova Zelanda all’Italia; un’Italia che è più che ben rappresentata anche in questa sezione dell’asta Imw, con nomi come Pio Cesare (lotto 42, visita all’azienda, cena con la proprietà e pernottamento alla Tenuta Il Bricco), l’Istituto Grandi Marchi (lotto 43, quattro bottiglie e sedici magnum di prestigio assoluto, tutte firmate dai produttori stessi, 19 tra le realtà più prestigiose del Belpaese da Alois Lageder a Argiolas, da Biondi Santi a Ca’ del Bosco, da Michele Chiarlo a Carpenè Malvolti, da Donnafugata ad Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute, da Gaja a Jermann, da Lungarotti a Masi, da Marchesi Antinori a Mastroberardino, da Pio Cesare a Rivera e da Tasca D’Almerita a Tenuta San Guido e Umani Ronchi), Lungarotti (lotto 46, visita all’azienda), Umani Ronchi (lotto 47, visita all’azienda), Masi (lotto 48, visita all’azienda), Antinori (lotto 50, visita alla splendida sede aziendale nel cuore del Chianti Classico), Frescobaldi (lotto 51, con una 6 litri, due doppie magnum e due magnum delle etichette più iconiche dell’azienda, come Luce, Masseto e Ornellaia) e contributi di firme come Donnafugata, Jermann, Castel del Monte e Tenuta di Nozzole (lotto 52, composto da sette bottiglie, una doppia magnum e due magnum di alcuni dei vini simbolo delle rispettive cantine). E, infine, nel lotto 45, il nostro contributo, una selezione di 12 bottiglie di vino di “amici”, alcuni tra i più importanti e stimati produttori italiani, direttamente dalla cantina di WineNews.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli