02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Calcio e vino tra Spagna e Cina, il Tianjin Quanjian, club della Chinese Super League, all’assalto del capitano del Barcellona (e vigneron) Andrés Iniesta: pronto un contratto da 35 milioni di euro l’anno ... più due di vino di Bodega Iniesta

Italia
Il Tianjin Quanjian, club della Chinese Super League, all’assalto del capitano del Barcellona, e vigneron, Andrés Iniesta

Il calcio ci ha abituato da anni alle sue follie, spese pazze giustificate da introiti altrettanto pazzeschi, ma anche qualche eccesso, non solo in Europa, dove la scorsa estate il Psg è stato capace di spendere quasi mezzo miliardo di euro in una sola campagna acquisti, ma anche in Cina, un campionato non certo di primo livello, diventato però un vero e proprio Eldorado per i campioni a fine carriera. L’ultima storia riguarda Andrès Iniesta, il 33enne capitano del Barcellona che, fuori dal campo, produce vino, e non certo per hobby, visto che Bodega Iniesta (www.bodegainiesta.es), a Fuentealbilla, in Castilla La Mancha, esisteva già da molto prima che Andrés diventasse un campione: fondata nei primi anni Novanta dal padre José Antonio Iniesta, che piantò i primi 10 ettari, oggi diventati 200, tra vitigni internazionali ed autoctoni. Tornando al calcio, sembra che il Tianjin Quanjian, club dai fondi a quanto pare illimitati della Chinese Super League, sia pronto ad offrire 35 milioni di euro l’anno per le prestazioni di Andrès Iniesta, a cui vanno aggiunti altri due milioni di euro ... in vino, quello di Bodega Iniesta, che avrebbe così un canale preferenziale sul mercato cinese. Una vera “bomba” di mercato, anche enoico, che difficilmente esploderà, visto il legame del fuoriclasse spagnolo con il club catalano.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli