02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
RISTORAZIONE MONDIALE

Chiude definitivamente “Del Posto”, il tempio della cucina italiana dei Bastianich a New York

Anche per il celebre locale la decisione è conseguenza della pandemia. A rilevarlo l’executive chef Melissa J.Rodriguez e il general manager Jeff Katz
DEL POSTO, JOE BASTIANICH, LIDIA BASTIANICH, RISTORAZIONE, Mondo
Il ristorante italiano Del Posto a New York

“La creazione più ricca e raffinata”, come la definiscono loro stessi, di Joe e Lidia Bastianich, aperto nel 2005 a New York, vero e proprio tempio della cucina italiana e tra i locali di maggior successo tra quelli aperti negli anni dalla celebre famiglia italo-americana, unico ristorante italiano insignito di 4 stelle dal “The New York Times”, chiude definitivamente i battenti: è la parabola del “Del Posto” per il quale la decisione è arrivata come conseguenza della pandemia. Lo riporta lo stesso “The New York Times”, sottolineando come, dopo l’uscita nel 2019 di Mario Batali, e l’asta nell’estate 2020 con aggiudicazioni stellari dei vini della cantina, tra le più ricche al mondo di etichette italiane sulle oltre 30.000 bottiglie, e ora anche l’incanto degli arredi previsto per domani, nel futuro c’è ancora un locale italiano, dopo che l’executive chef Melissa J. Rodriguez e il general manager Jeff Katz, lo hanno rilevato dai Bastianich e da Tanya Bastianich Manuali, con lo chef James Kent, ex dell’Eleven Madison Park, e un gruppo di investitori, con l’obbiettivo di riaprire a fine anno con un cocktail bar ed una pizzeria accanto al ristorante.
“Difficile fare previsioni, i miei ristoranti in Usa, per esempio, sono ancora quasi tutti chiusi. Il settore supererà questa crisi, ma è chiaro che alcuni non ce la faranno. È anche una fase di cambiamento e adattamento, si deve essere flessibili e capaci di cogliere le opportunità che derivano da questa situazione”, aveva detto Joe Bastianich, a WineNews, solo pochi mesi fa.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli