02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

E se la Catalogna diventasse indipendente? Nell'Europa del vino ci sarebbe un nuovo competitor, piccolo ma ben attrezzato, con 3,3 milioni di ettolitri prodotti ogni anno, un giro d'affari di 1,14 miliardi di euro e un'arma segreta: il Cava

Italia
Se la Catalogna fosse indipendente, avrebbe la Cava dalla sua

Al centro della scena europea, e sulle prime pagine dei quotidiani di mezzo mondo, da giorni non si parla che dello scontro tra Madrid e Barcellona, con la Catalogna che sembra pronta a dichiarare l'indipendenza da un momento all'altro, stravolgendo la fisionomia non solo della Spagna, ma di tutta l'Europa. E sotto ogni punto di vista, compreso quello vitivinicolo. Senza entrare nel merito della diatriba, tutta politica, proviamo ad immaginare come si collocherebbe la Catalogna nel panorama enoico internazionale. Innanzitutto, la Catalogna si troverebbe di fronte un problema importante, quello del suo collocamento all'interno della Ue, da cui dipendono buona parte delle dinamiche commerciali del settore. Superato questo primo ostacolo, il vino catalano si troverebbe ad affrontare i mercati con la forza di numeri tutt'altro che da sottovalutare: 3,3 milioni di ettolitri prodotti (il 7,6% del totale Spagna), per un giro d'affari del settore valutato da uno studio della EAE Business School in 1,14 miliardi di euro, anche grazie ad una media dei consumi interni decisamente superiore alla media, pari a 18,92 litri di vino a persona all'anno. Una certezza, però, in un mondo in cui a comandare consumi e spedizioni sono essenzialmente le bollicine, la Catalogna ce l'ha: il Cava, che è sì una denominazione spagnola, ma che lega il 95% della sua produzione alla zona del Penedès, a nord di Barcellona, dove si producono in media 230 milioni di bottiglie (anche grazie ad un colosso come Freixenet), su un totale di 245 milioni di bottiglie di Cava prodotte ogni anno in Spagna. Come andrà a finire? Al momento, il rischio di una balcanizzazione della Penisola Iberica appare remoto, ma se dovesse succedere, in Europa ci sarebbe un nuovo competitor, piccolo ma agguerrito e ben attrezzato ...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli