02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Forte dei suoi numeri e del suo appeal, la Toscana del vino si presenta ancora una volta unita al mondo a “BuyWine” 2017 (Firenze, 10-11 febbraio). Remaschi: “confermiamo impegno Regione nel costruire un sistema integrato di promozione del wine&food”

Con oltre 427 milioni di euro di valore all’export nel primo semestre 2016 (il 17% sul totale delle esportazioni vinicole nazionali), la Toscana del vino è, dopo il Veneto, la seconda Regione italiana per valore delle vendite all’estero, con una crescita significativa, negli ultimi cinque anni, del +54% (contro una media nazionale inferiore al 40%), trainata in particolare dai mercati extra europei, nordamericani e asiatici in primis (fonte: Nomisma-Wine Monitor). Forte di questi numeri, del suo appeal e ancora una volta unita, la Toscana enoica presenterà le sue novità al mondo al “BuyWine” 2017 a Firenze (10-11 febbraio, alla Fortezza da Basso; www.buy-wine.it), il workshop di Regione Toscana, organizzato in collaborazione con PromoFirenze, azienda speciale della Camera di Commercio di Firenze, che, dopo sei edizioni, dal lancio del format con Toscana Promozione - e rumors che, nelle ultime edizioni, ne facevano circolare il rischio di saltare - si consolida ormai come una sorta di “Vinitaly di Toscana”, nonché “Anteprima delle Anteprime” delle denominazioni, la più importante iniziativa commerciale per il settore vitivinicolo della Regione, con incontri business to business tra buyers internazionali e produttori, e con i giornalisti stranieri.
“Confermiamo l’impegno della Regione nella costruzione di un sistema integrato di promozione del wine e del food toscano, una rete in cui tutti gli operatori, produttori singoli e associati, Consorzi di tutela, territori, parlano al mondo con un’unica voce - ha detto Marco Remaschi, assessore all’Agricoltura della Regione Toscana - un format rinnovato per il 2017, in cui la filiera vitivinicola toscana, riunita in un’unica associazione (Avito, l’Associazione dei Consorzi dei Vini di Toscana), si presenterà al mondo, dal ProWein di Düsseldorf al Vinexpo di Bordeaux (per citare i principali appuntamenti), passando per il BuyWine e le Anteprime, qui in Toscana. In un mercato globale sempre più agguerrito e competitivo, la Toscana del vino affronterà le nuove sfide in modo coordinato, mettendo in rete tutte le iniziative dei singoli operatori, sia in ambito locale che internazionale”.
“BuyWine” 2017 aprirà le sue porte a 210 aziende vitivinicole toscane e ad altrettanti buyer in arrivo da Usa, Canada, Regno Unito, Cina, Messico, Germania, Corea del Sud, Benelux, Sud Est asiatico e altri Paesi, che s’incontreranno nella due-giorni in appositi business to business mirati. E come sempre, sarà collegato alle “Anteprime di Toscana”, dieci giorni di eventi nei quali i Consorzi di tutela dei vini di Toscana presentano e raccontano, direttamente nei loro territori, le nuove annate ad operatori e giornalisti provenienti da tutto il mondo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli