02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
NUMERI

La 2021 di Bordeaux sul mercato agli stessi prezzi della 2020: quanto pesa l’inflazione?

Il trade auspicava un taglio del -2,7%, ma dalle prime release degli Château, analizzate da WineNews, arriva la conferma del listino di un anno fa
ANNATA 2021, Bordeaux, CHATEAU ANGELUS, CHATEAU CHEVAL BLANC, CHATEAU LAFLEUR, CHATEAU PALMER, CHATEAU PAVIE, CHATEAUX, En Primeur, vino, Mondo
Château Lafleur, tra i top di Bordeaux

Come abbiamo visto nei giorni scorsi (qui) dai primi giudizi dei grandi critici del vino di tutto il mondo, da Jane Anson (corrispondenteDecanter” da Bordeaux) a Neal Martin e Antonio Galloni (“Vinous”), da Jean-Marc Quarin, tra i massimi esperti dei vini di Bordeaux di Francia, a James Suckling, la 2021 di Bordeaux, annata complessa, non ha rivelato grossi picchi qualitativi, con le sorprese più interessanti che arrivano dal fronte dei bianchi e da griffe come Cheval Blanc, Lafleur, Château Ausone e Château Margaux. Impressioni confermate anche dalla Master of Wine Lisa Perrotti-Brown, firma “The Wine Independent”, che sottolinea la grande variabilità della vendemmia 2021 a Bordeaux. Da cui comunque emergono declinazioni eleganti, con poco alcol, sapide. Un’annata che ricorda la 2013, con qualche delusione ma anche importanti conferme, su tutte 5 vini capaci di guadagnare 95-97 punti: Château Ausone, Château Cheval Blanc, Château Haut-Brion Blanc, Château Lafleur e Château Margaux.

Anche per William Kelley, responsabile degli assaggi a Bordeaux per “The Wine Advocate - Robert Parkersoltanto dalla fine del 2021, l’ultima vendemmia di Bordeaux si è rivelata particolarmente sfaccettata e di difficile generalizzazione, non grandiosa, ma capace di regalare comunque qualche chicca interessante, simile a qualche annata degli anni Novanta, ma declinata con le tecnologie e le conoscenze di oggi. Anche per Kelley, la sorpresa arriva dai bianchi, mentre qualche rosso si rivela particolarmente diluito e tenue. Al top, per la firma di “The Wine Advocate”, c’è Château Ausone (97-100 punti), quindi Château Haut-Brion (96-98), Château Margaux (95-97+), Château Cheval Blanc (95-97), Château Leoville Les Cases (95-97), Château Figeac (94-97) e Château Les Carmes Haut-Brion (94-97). Sia da parte della critica che, soprattutto, del trade, le aspettative sono quello di un calo dei prezzi rispetto alla 2020, quantificato dai wine merchant (sondati dal Liv-ex qualche settimana fa, come abbiamo raccontato qui) in un -2,7% medio.

Pur mancando ancora qualche nome importante, un primo bilancio si può già fare, con i prezzi delle prime 20 etichette, analizzati da WineNews, sostanzialmente sullo stesso livello di un anno fa (-0,2% sul 2020), e con una costante: ben 10 Château hanno rilasciato la 2021 allo stesso prezzo della 2020, 5 Château, confortati dai punteggi ma anche dal proprio prestigio, hanno deciso di uscire a prezzi più alti, e solo gli altri 5 Château hanno optato per un taglio dei prezzi, che va dal -2,5% al -14,6%. Al di là dei punteggi della critica e delle aspettative dei wine merchant, è fondamentale ricordare e sottolineare quanto pesi, nelle scelte dei produttori, la corsa dei prezzi delle materie prime e dell’inflazione, dinamiche che a Bordeaux valgono come in qualsiasi altra parte d’Europa.

Andando nello specifico, tra i rilasci ufficializzati sin qui il più importante è senza dubbio quello di Château Lafleur: la 2021 va sul mercato a 6.508 sterline a cassa (638 euro a bottiglia), il 3% in più della 2020, annata che ha registrato una rivalutazione del 96% dalla scorsa estate. Anche Château Cheval Blanc ha deciso un piccolo aumento di prezzo per la 2021, del +2,6% a quota 4.740 sterline a cassa (390 euro a bottiglia), comunque inferiore ai prezzi di mercato delle annate 2018, 2019 e 2020. Una cassa di Château Angélus 2021 costa invece 3.120 sterline (265 euro a bottiglia), l’1,9% in più della 2020. Château Palmer, nonostante un calo produttivo del 30% sullo scorso anno, ha rilasciato la 2021 allo stesso prezzo: 2.844 sterline a cassa (240 euro a bottiglia).

Tra i più quotati, e tra i più celebrati dalla critica, Château Pavie ha deciso un taglio del 2,5% del prezzo, con la 2021 sul mercato a 2.784 sterline a cassa (234 euro a bottiglia). Decisamente più drastico il taglio dei prezzi deciso da Château Léoville-Las-Cases: una cassa della vendemmia 2021 costa 1.950 sterline (169 euro a bottiglia), il 14,6% in meno della 2020. Giù anche il prezzo del secondo vino di Château Lafite, il Carruades de Lafite, uscito a 1.980 sterline a cassa (160 euro a bottiglia), il 5,9% in meno della 2020, che ne fa uno dei best value attualmente sul mercato. Nella top ten delle release, almeno si qui, anche Château Pavie-Decesse 2021, a 984 sterline per cassa (83 euro a bottiglia, stesso prezzo della 2020. Invariato come quello di Château Pontet-Canet: una cassa della vendemmia 2021 è sul mercato a 890 sterline a cassa, pari a 74,40 euro a bottiglia. Infine, da segnalare il prezzo di Château Léoville Barton 2021: 669 sterline a cassa (55,80 euro a bottiglia), il 7% in meno dell’annata 2020.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli