02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL VINO & IL GRANDE CALCIO

La Juventus dei record brinda al settimo scudetto consecutivo con le bollicine Ferrari Trentodoc

In grande formato, griffato con lo Scudetto n. 36 e l'hashtag #MY7H e già stappato all’Olimpico, il Trentodoc celebra la “regina” del Campionato

Mai come questa volta, per una Juve così, che, battendo ogni record, alla penultima giornata di Campionato, conquista il settimo scudetto consecutivo, il numero 36 della sua storia, fresca della vittoria anche in Coppa Italia, nei calici di Buffon e compagni, da Barzagli a Chiellini, da Dybala a Higuain, da Pjanic a Lichtsteiner, da Bernardeschi a Marchisio, da Khedira a Sczcesny, e Mister Massimiliano Allegri non poteva che esserci il brindisi italiano per eccellenza, quello, tanto per citarne uno, della “bevuta mundial” alla magnum di Pablito Rossi ai Mondiali del 1982: le bollicine Trentodoc firmate dalla maison Ferrari, in grande formato, griffate Juventus, dedicate allo storico traguardo con il disegno dello scudetto e l’hashtag ufficiale lanciato dalla Società #MY7H, già stappate ieri sera all’Olimpico dopo il pareggio contro la Roma, che ha regalato ai tifosi bianconeri l’ennesima gioia, “aperitivo” ai festeggiamenti ufficiali a Torino, tra lo Juventus Stadium e le vie della città.
Pronti in fresco per esser stappati in spogliatoio, i grandi formati di Ferrari Trentodoc, nel solco di una partnership al terzo anno - e scudetto - consecutivo, sono stati i compagni dei festeggiamenti della Juventus, nell’anno in cui la squadra simbolo della storia del calcio made in Italy come le bollicine lo sono per quella del vino italiano, festeggia i 120 anni dalla sua fondazione, celebrati dalla cantina della famiglia Lunelli con “Ferrari Selezione Juventus 120”, un Trentodoc esclusivo, prodotto in soli 1.897 esemplari, come l’anno di nascita della squadra. Cin cin!

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli