02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nella Power 100 del Liv-ex del 2017, la star è la Borgogna, ma l’Italia, guidata dal boom di vendite del Sassicaia, chiude con una quota di mercato, in valore, del 6,3%. Bene il Masseto, il decimo brand più caro. La new entry è Casanova di Neri

Domina la Francia, ma il 2017 è l’anno della Borgogna, e l’Italia, con il Sassicaia, vanta il brand più scambiato sul mercato secondario dei fine wines, con una quota del 7,3%. Come ogni anno, il Liv-Ex, il benchmark del mercato secondario dei fine wine, ed il magazine britannico “The Drinks Business”, hanno analizzato le performance dei marchi enoici più scambiati nel mondo, messi in fila, secondo punteggi, quote di mercato, prezzi medi, e numero di marchi in commercio, nella Power 100 del 2017, dove, per la prima volta, entra Casanova di Neri, la griffe del Brunello di Montalcino (al n. 97) che, appena qualche settimana fa, aveva raggiunto la posizione n. 4 della “Top 100” di“Wine Spectator”.

La vera star è la Borgogna, che nel 2017 ha mosso, in valore, il 12% del mercato
(dal 7,7% del 2016), guidata dalla crescita della domanda sul mercato asiatico, con ben 22 brand tra i primi 50 ed il Romanée-Conti alla posizione n. 4, dietro ai “soliti” tre di Bordeaux: nell’ordine Lafite Rothschild, Margaux e Mouton Rothschild, mentre perdono terreno Haut Brion (dalla posizione n. 4 alla n. 9) e Latour (dalla 5 alla 12), così come perde l’intera Regione, che nel 2017 ha pesato appena per il 68,6% del valore totale delle transazioni, il valore più basso mai toccato (nel 2010 Bordeaux rappresentava il 95,8% del mercato, un anno fa il 74,6%).

L’Italia, nel complesso, chiude un anno decisamente positivo, con una quota di mercato, in valore, del 6,3%, dal 5,6% di un anno fa, ma ancora lontana dal 7,1% del 2015. La performance quantitativa del Sassicaia non gli vale la posizione più alta tra le griffe tricolore, dove è invece il Masseto a spiccare, alla n. 20 (dalla 51 del 2016), grazie principalmente ad un prezzo medio altissimo, 5.136 sterline a cassa, il decimo più caro in classifica, una quotazione cresciuta del 23,36% sul 2016. Il Sassicaia, invece, sale fino alla posizione n. 33 (dalla 55 dello scorso anno), frenato proprio dal punto di forza del Masseto, il prezzo, 692 sterline a cassa, che ne fanno il secondo miglior vino al mondo per rapporto qualità/prezzo, il che spiega benissimo il volume di bottiglie mosse negli ultimi 12 mesi.

Nella seconda metà della classifica, invece, arrivano i primi passi indietro per i brand italiani. Gaja, ad esempio, si deve accontentare della posizione n. 56 (dalla 47 di un anno fa), mentre il Solaia, al contrario, sale dalle n. 86 alla n. 80. Perdono qualche posizione anche l’Ornellaia, che passa dalla 73 alla 86 e, in misura minore, il Tignanello, dalla n. 84 alla n. 88. Il vero crollo è quello dell’altro piemontese in classifica, Giacomo Conterno, che passa dalla n. 59 del 2016, quando fece un salto enorme, alla n. 96, quasi affiancato dall’unica new entry del Belpaese e dall’unica griffe del Brunello presente in classifica, Casanova di Neri. Escono dai primi 100 sia Bruno Giacosa, un anno fa alla posizione n. 87, come new entry, e Petrolo, nel 2016 alla n. 91.
Info: www.liv-ex.com - www.thedrinksbusiness.com

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli