02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Produzione integrata, buona pratiche, soprattutto nella gestione degli agrofarmaci, condivisione delle conoscenze e dei progressi: è il progetto “Bayer Forward Farming”, che arriva in Italia puntando sul vino, in Valpolicella, con la cantina Moranda

Italia
Il progetto “Bayer Forward Farming” arriva in Italia, puntando sul vino, in Valpolicella

È l’azienda vitivinicola Agricola Moranda, in Valpantena, di proprietà della famiglia Capurso dal 1896, e ora condotta da Giovanni Capurso, con le sue giovani figlie Camilla e Selene, la prima Bayer Forward Farm, che si inserisce nel progetto di Bayer Crop Science “Bayer Forward Farming”, basato su produzione integrata, buona pratiche, soprattutto nella gestione degli agrofarmaci, condivisione delle conoscenze e dei progressi.
“Esiste una distanza sempre più grande - ha sottolineato Bernd Naaf, Business affairs & communication e membro del Comitato esecutivo di Bayer Crop Science - tra l’agricoltura e i consumatori e anche forti pressioni delle organizzazioni non governative. È importante far conoscere l’agricoltura al pubblico, ma anche ai politici europei così che non prendano decisioni su basi emotive. Abbiamo voluto per questo a fini dimostrativi una Bayer Forward Farm vicino a Bruxelles. Ci stiamo impegnando sulla difesa in biologico, ma l’agricoltura convenzionale garantisce quantità a prezzi convenienti e deve essere condotta in modo corretto”.
Il progetto Bayer Forward Farming, come detto, si basa su tre pilastri: la produzione integrata che comprende la difesa; l’applicazione delle buone pratiche in tutte le fasi della gestione delle colture, con particolare attenzione al corretto uso degli agrofarmaci per aumentare la loro efficacia, salvaguardare la salute di operatori e animali; lo sviluppo di partnership con altre aziende ed enti di ricerca per accrescere le conoscenze e diffonderle aprendo le Bayer Forward Farm agli interessati. L’imprenditore agricolo, avvalendosi della collaborazione di esperti Bayer e di altri partner specializzati (in questo caso: Braglia, Bulzoni Meccanica, Mybatec, Pessl Instruments, World Biodiversity Association) ha l’opportunità di accedere alle ultime tecnologie per migliorare la sostenibilità dell’azienda economica, sociale e ambientale.
“La scelta è caduta su un’azienda vitivinicola - ha spiegato Remy Courbon, Customer marketing Bayer Crop Science Italia - per l’importanza del vigneto in Italia e l’attenzione elevata della filiera vitivinicola verso la sostenibilità. E, in particolare Giovanni Capurso e le sue figlie, mettono nel loro lavoro una passione e un impegno che li rendono nostri partner ideali”.
“Siamo consapevoli - ha detto Capurso - che dobbiamo preservare il nostro territorio molto fortunato producendo in modo più sostenibile. In questo primo anno di collaborazione abbiamo verificato direttamente quanto si può migliorare e ci auguriamo che sia di spunto per altri”.

L’Agricola Moranda (www.capursowine.com) - 17 ettari in totale, di cui 15 a vigneto per produrre Valpolicella Doc, Valpolicella Superiore Doc, Ripasso Doc e Amarone docg - è la seconda Bayer Forward Farm vitivinicola insieme a quella francese (Château Lamothe). Le altre tre in Europa sono in Germania, Belgio e Olanda, e a partire dal 2018 altre aziende saranno coinvolte negli altri continenti.
Spesso Giovanni Capurso ripete che “non si finisce mai di imparare” eppure prima di riprendere in mano la sua azienda familiare ha avuto incarichi prestigiosi in grandi gruppi.
“La propensione al miglioramento continuo è stata la base per iniziare la nostra collaborazione - ha aggiunto Paola Sidoti, Business Affairs & Management Support di Bayer Crop Science. Giovanni Capurso, gli esperti di Bayer e i partner coinvolti hanno migliorato la precisione degli interventi grazie all’installazione di strumentazione e all’uso di attrezzature di ultima generazione, migliorando la difesa da malattie e insetti, l’efficienza delle irroratrici, dei trattamenti, la sicurezza dell’uso dei fitofarmaci e la biodegradazione delle acque di lavaggio, non trascurando il monitoraggio della biodiversità aziendale. Le Bayer Forward Farm sono aziende in cui l’imprenditore si mette in gioco e apre la sua azienda per scambiare conoscenze e anche per avvicinare all’agricoltura il consumatore finale”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli