02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
INIZIATIVA

“Vino del Duomo”, altre 18.000 bottiglie firmate “La Collina dei Ciliegi” per il Duomo di Milano

La griffe dell’Amarone ha già contribuito ai restauri della Cattedrale meneghina per 95.000 euro. Proprio come accadeva nel XIV secolo ...

Dopo le prime 18.000 bottiglie, andate sold out in meno di tre mesi, che hanno portato un contributo di 95.000 euro, l’iniziativa “Vino del Duomo” (qui i primi passi) - firmata dalla griffe dell’Amarone della Valpolicella “La Collina dei Ciliegi” e dalla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano - a sostegno dei restauri della Cattedrale meneghina si rinnova con una “riedizione” di altre 18.000 bottiglie. “Abbiamo voluto riscoprire l’antica tradizione medievale di utilizzare il vino come fonte di finanziamento per contribuire ai restauri del monumento simbolo della città della Madonnina”, commenta il presidente de La Collina dei Ciliegi, Massimo Gianolli. Nel XIV secolo, infatti, i cittadini e le comunità consegnavano agli ufficiali della Fabbrica “brente” di vino (75,55 litri) i cui proventi venivano destinati a coprire le spese del cantiere. “Per farlo - riprende Gianolli - ci siamo spogliati del nostro marchio e il risultato è stato così importante che abbiamo deciso di rieditare l’iniziativa solidale. È la dimostrazione che il vino può essere espressione di un moderno mecenatismo volto a valorizzare l’arte e la cultura”. Le etichette dei Vini del Duomo, che contribuiscono a sostenere i restauri della Cattedrale, firmate dal wine designer Mario di Paolo (Lo Spazio di Paolo), sono in vendita negli store de La Cattedrale e de La Rinascente di Milano, oltre che negli e-shop del Duomo di Milano e de La Collina dei Ciliegi.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli