02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CUOCHI IN TV

Da giudice a concorrente: Carlo Cracco nello show cooking di Netflix “The Final Table”

Lo chef stellato rappresenterà l’Italia al programma che vede chef di tutto il mondo sfidarsi a colpi di ricette gourmet e di alto livello
CARLO CRACCO, NETFLIX, REALITY, SHOW COOKING, THE FINAL TABLE, TV, Non Solo Vino
Solo pochi mesi fa, Carlo Cracco aveva annunciato l’addio alla tv

Dopo solo pochi mesi dal suo addio ufficiale alla televisione, spunta il nome dello chef Carlo Cracco tra quello dei partecipanti ad uno show cooking. Bugia? Malinconia dello show business? In realtà lo stellato ex giudice di Masterchef Italia ha mantenuto la parola data: alla televisione ha effettivamente detto addio, ma non a Netflix. Cracco rappresenterà infatti l’Italia a “The Final Table”, una competizione culinaria globale, creata dalla famosa piattaforma di streaming e distribuzione di film e serie tv mondiale statunitense, in cui a sfidarsi saranno chef rinomati provenienti da tutto il mondo, ciascuno in rappresentanza del proprio Paese, con l’unico obiettivo di ottenere un posto al “Final Table” e sedersi insieme a nove leggendarie icone culinarie internazionali.
Quindi l’Italia sarà rappresentata da Carlo Cracco, che dovrà sfidare gli altri grandi chef, tutti “agguerriti” e spinti dall’orgoglio nazionale: da Enrique Olvera (Messico), e Andoni Aduriz (Spagna), fino a Clare Smyth (Regno Unito), Helena Rizzo (Brasile), Vineet Bhatia (India), Grant Achatz (Stati Uniti), Yoshihiro Narisawa (Giappone) e Anne-Sophie Pic (Francia). Le 12 squadre, composte da due chef, si sfideranno tra loro cucinando i piatti tipici de Paesi partecipanti, uno a puntata, con la partecipazione di celebrità, critici gastronomici e i più grandi chef nazionali, che eliminano le varie squadre fino alla finale. Nell’ultimo episodio, solo uno degli chef in gara riuscirà a vincere un posto al “Final Table”, tra i migliori chef al mondo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli