02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
XYLELLA

30 milioni di euro al Piano straordinario di lotta alla Xylella: l’annuncio del Ministro Centinaio

“Per il 2019 altri 70 milioni di euro: stiamo lavorando per mettere tutte le risorse possibili a favore dell’economia rurale delle regioni colpite”
CENTINAIO, XYLELLA, Non Solo Vino
Gli ulivi pugliesi colpiti dalla Xylella

Se le prime stime della produzione di olio d’oliva italiano nel 2018 di Ismea parlano di appena 265 milioni di chili, con un calo sulla campagna precedente del 38% è sicuramente per colpa del clima instabile, che ha danneggiato i raccolti. Ma, soprattutto al Sud, un’altra delle grandi cause del calo vertiginoso della produzione del prezioso olio extra vergine d’oliva è la Xylella fastidiosa. Il batterio nel Sud Italia, soprattutto in Salento, è stata la causa della morte di migliaia e migliaia di ulivi, anche secolari, mandando in rovina produzione e olivicoltori stessi. Nel 2018 della Xylella si è parlato poco o niente, ma a rimarcare i suoi impegni con i produttori ci pensa il Ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, che proprio oggi ha ufficialmente dato il via al Piano straordinario di lotta alla Xylella fastidiosa per il 2018: “Voglio ringraziare il Ministro Lezzi che attraverso il suo Ministero (per il Sud, ndr) ha ufficializzato il trasferimento di 30 milioni di euro dal fondo sviluppo e coesione all’agricoltura. Per il 2019 metteremo altri 70 milioni di euro”. E continua: “stiamo lavorando per mettere tutte le risorse possibili a favore dell’olivicoltura e per il rilancio dell’economia rurale delle regioni interessate alla diffusione del batterio. Gran parte dei fondi sarà finalizzato al ripristino della potenzialità produttiva dei territori, ma anche a importanti interventi di prevenzione e contrasto al vettore, nonché alla ricerca e alla sperimentazione che continua a svolgere un ruolo fondamentale nello studio di tutti i fattori dell’epidemia”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli