02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ARRIVA L’ETICHETTA RESPONSABILE. L’HA MESSA A PUNTO LA CANTINA MONTE SCHIAVO E INDICA (CON DELLE TACCHE) LA QUANTITÀ CHE SI PUÒ BERE A SECONDA DEL SESSO E DEL PESO CORPOREO PER RESTARE DENTRO AI PARAMETRI CONSENTITI DALLA LEGGE PER GUIDARE

Il vino, bevuto moderatamente e con consapevolezza. Ma il limite legale chi lo stabilisce? Esistono delle tabelle che stabiliscono quanto è consentito bere a seconda del peso e del sesso, ma difficilmente vengono messe in tasca o in borsa prima di uscire. Per ovviare il problema, il miglior escamotage è quello di mettere delle tabelle direttamente sulla bottiglia che stiamo bevendo. Ed è proprio questa l'idea venuta all’azienda marchigiana Monte Schiavo che ha stampato nelle etichette dei suoi vini le indicazioni di quanto bere per restare dentro ai parametri consentiti dalla legge per guidare senza incappare nelle sanzioni previste dalla legge: “Sul retro della bottiglia da mezzo litro, che si può considerare come una dose individuale - spiega Davide Paolella, responsabile vendite Italia dell’azienda marchigiana - c’è un’etichetta con delle tacche che indicano la quantità che si può bere a seconda del sesso e del peso corporeo, due fattori che influenzano il livello alcolico nel sangue. Ad ogni tacca corrisponde un livello della bottiglia”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli