02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Basile, Doc Montecucco Vermentino Artéteca 2019

Vendemmia: 2019
Uvaggio: Vermentino, Viognier, Petit Manseng
Bottiglie prodotte: 5.000
Prezzo allo scaffale: € 15,00
Proprietà: Giovan Battista Basile
Enologo: Maurizio Seattini
Territorio: Maremma toscana

Fondata dalla famiglia Basile nel 1999, la cantina, situata nel podere Monte Mario, ha conquistato una meritata rinomanza soprattutto grazie ai suoi Sangiovese, offerti in una serie di declinazioni che dimostrano di essere coltivati in un luogo davvero di elezione. Cinigiano, per questo, è diventata in un certo senso la “capitale” della denominazione maremmana del Montecucco, che, specie nel recente passato, ha dimostrato di poter dire la sua nel competitivo panorama enoico toscano. Niente segreti aziendali, solo rigoroso lavoro in vigna, a partire dalla scelta biologica, e operazioni enologiche senza scorciatoie. L’azienda fa parte di quel vasto novero di realtà artigianali che costellano lo scenario della Toscana del vino e che, a ben guardare, ne consolidano le più autentiche e coerenti visioni. Otto gli ettari a vigneto per una produzione complessiva di 50.000 bottiglie dalla predominanza rossista anche se sul piano dei vini bianchi non mancano le sorprese. Come è nel caso del Montecucco Vermentino Artéteca 2019. Un bianco dal carattere ben definito, che sa essere generoso e mediterraneo e al contempo regalare fragranza e incisività. I profumi sono netti e comprendono rimandi ai frutti bianchi, sia nostrani che tropicali, cenni agrumati e qualche tocco di erba medica. In bocca, il sorso è gradevolmente sapido, di buona solidità e articolazione, dal finale fragrante e ancora fruttato.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli