02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2024

Basilisco, Docg Aglianico del Vulture Superiore Cruà 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Aglianico
Bottiglie prodotte: 2.000
Prezzo allo scaffale: € 30,00
Proprietà: famiglia Capaldo
Enologo: Viviana Malafarina
Territorio: Vulture

Basilisco - nata all’inizio degli anni Novanta del secolo scorso - è diventata una delle realtà più note dell’areale del Vulture lucano, ed è stata acquisita nel 2011 da Feudi di San Gregorio, l’azienda di proprietà della famiglia Capaldo, ormai non solo realtà di riferimento irpina, ma vero e proprio gruppo vitivinicolo a proiezione nazionale. “Sotto il cappello” di “Tenute Capaldo”, infatti, troviamo una variegata serie di cantine, che va dal progetto Dubl - completamente votato alla spumantizzazione a Metodo Classico, a Sirch - azienda nei Colli Orientali del Friuli, passando per Campo alle Comete - nel bolgherese toscano, per arrivare, appunto, a Basilisco. Una realtà che attualmente conta su 27 ettari a vigneto in biologico, per una produzione complessiva attestata sulle 80.000 bottiglie con i suoi vigneti posti in parcelle, tra i 450 e i 600 metri d’altezza sul livello del mare, come, per esempio, Piano Croce - dove le viti, ormai più che trentennali, crescono su terreni calcareo-argillosi, e Fontanelle - dove le viti crescono invece su terreni lavici. Maturato per 12 mesi in legni di varia misura, l’Aglianico del Vulture Superiore Cruà 2016 profuma di lampone e marasca, con tocchi di cioccolato e rimandi affumicati e tostati. In bocca, il sorso è ben profilato da tannini vivaci, sviluppandosi solido e dinamico e chiudendo con un finale persistente dalle note mentolate e leggermente erbacee.

(fp)

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli