02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Batasiolo, Docg Barolo Brunate 2014

Vendemmia: 2014
Uvaggio: Nebbiolo
Bottiglie prodotte: 13.000
Prezzo allo scaffale: € 45,00
Azienda: Batasiolo
Proprietà: fratelli Dogliani
Enologo: Paolo Pronzato, Oreste Dogliani
Territorio: Barolo

I fratelli Dogliani hanno cascine con vigneto nelle zone più belle delle Langhe: La Morra, Serralunga d'Alba, Monforte d'Alba, nonché il primo relais 5 stelle nato da queste parti, il Boscareto. Il cuore di tutti questi beni è a Batasiolo - a la Morra - dove c'è la cantina. Il ragionamento che fanno sul Barolo è quello del cru, potendo lavorare su diverse zone, ma l'azienda copre un po' tutto lo spettro delle etichette piemontesi autoctone, dai rossi ai bianchi. D'altronde stiamo parlando di 140 ettari di proprietà trasformati in oltre due milioni e mezzo di bottiglie. Agricoltura convenzionale e meticolosa, approccio tradizionale in cantina. La nostra attenzione è caduta sul Barolo Brunate, quello che viene dalla collina che sembra piombare sulla cantina, un versante sud-est molto ripido, fatto di argilla e marne azzurre - le cosiddette marne di Sant'Agata. La 2014 è l'annata terribile che, negli anni, sta venendo fuori con maggior slancio rispetto alle premesse. Così questo vino, che inizia con delicate note di tabacco e canfora e prosegue con frutta rossa fresca. Non mancano le classiche note di rosa e viola e si distingue per una progressione armonica dei tannini. Rimane impressa l'acidità della beva, che bilancia sentori tostati che spiccano netti. Non gli farebbe male un po' più di profondità. Bella invece una calibrata austerità che è piacevole trovare nei Barolo di razza.

(Francesca Ciancio)

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli