02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Belisario, Doc Verdicchio di Matelica Vigneti del Cerro 2020

Vendemmia: 2020
Uvaggio: Verdicchio
Bottiglie prodotte: 120.000
Prezzo allo scaffale: € 10,00
Proprietà: cooperativa di soci produttori
Enologo: Roberto Potentini
Territorio: Matelica

La realtà vitivinicola più significativa della Provincia di Macerata è senz’altro Cantine Belisario, forte dei suoi 300 ettari a vigneto per una produzione annua di 1.200.000 di bottiglie, distribuite su un portafoglio etichette in cui, naturalmente, dominano il Verdicchio, anche in versione spumante e passito, a cui si aggiungono altri bianchi marchigiani in crescita, come Passerina e Pecorino, rosati e rossi, come Colli Maceratesi, Lacrima di Morro d’Alba, Rosso Conero e Marche Igt. Nate nell’ormai lontano 1971, 4 anni dopo l'istituzione della Doc Verdicchio di Matelica, avvenuta nel 1968, le cantine Belisario, istituto cooperativo, sono tra le più importanti realtà marchigiane, oltre che il maggior produttore di Verdicchio di Matelica sulla piazza; e non si limita a vinificare le uve degli associati, ma gestisce direttamente un considerevole parco vigneti. Con un’attenzione significativa all'intero ciclo produttivo, che gli vale, già da molto tempo, la capacità di centrare con confortante continuità l'obbiettivo, non sempre così semplice peraltro, di ben coniugare qualità a quantità. Il Verdicchio di Matelica Vigneti del Cerro 2020 è centrato stilisticamente, a partire dai suoi profumi che sono floreali in prevalenza con qualche accento agrumato e di erbe aromatiche. In bocca, il vino si rivela ampio e materico, lievemente affumicato e balsamico, continuo e di godibile e fragrante beva.

(fp)

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli