02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Cantina di Venosa, Doc Aglianico del Vulture Carato Venusio 2012

Vendemmia: 2012
Uvaggio: Aglianico
Bottiglie prodotte: 10.000
Prezzo allo scaffale: € 35,00
Proprietà: cooperativa di soci produttori
Enologo: Donato Gentile
Territorio: Vulture lucano

La Cantina di Venosa è una realtà cooperativa che, come è accaduto spesso soprattutto nel Sud Italia, ha costruito un futuro solido e di prospettiva per le molte famiglie che hanno scelto di non abbandonare la campagna e la viticoltura. Creata nel 1957 sotto la spinta di 27 soci fondatori, oggi ne conta 350 che coltivano 800 ettari di vigneto, dislocati tra Ripacandida, Maschito, Ginestra e Venosa, per una produzione complessiva di 1.000.000 di bottiglie. Una realtà decisamente importante per un areale come quello dell’Aglianico del Vulture, denominazione che ancora non sembra del tutto esplosa per quanto sia nelle sue potenzialità. La produzione di questa cantina sociale ha, evidentemente, come protagonista l’Aglianico, ma il ricco portafoglio etichette spazia anche su etichette a base di vitigni internazionali e una buona produzione bianchista. I vini sono in generale ben fatti ed hanno un’impronta stilistica di buona personalità. Come nel caso dell’Aglianico del Vulture Carato Venusio, affinato in barrique per 18-24 a seconda dell’annata. La versione 2012 ha colore rosso rubino intenso con riflessi granati. Al naso, i riconoscimenti vanno dalle note di viola a quelle di mirtillo e mora mature, con cenni di liquirizia e tabacco ad incrociare tocchi affumicati. In bocca, lo sviluppo è denso e continuo, con tannini severi ma saporiti e una buona fragranza acida ad allungare il sorso.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli