02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Cantina Rizzi, Docg Barbaresco Pajoré 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Nebbiolo
Bottiglie prodotte: 5.000
Prezzo allo scaffale: € 45,00
Proprietà: famiglia Dellapiana
Enologo: Enrico Dellapiana
Territorio: Barbaresco

Azienda rilanciata da un cambio di rotta notevole, sia dal punto di vista qualitativo che stilistico, scattato da quando al timone c’è il giovane enologo Enrico Dellapiana, votato a tradurre sempre più puntualmente in bottiglia le stimmate territoriali della “sua” collina, la MeGa Rizzi di Treiso, cuore del Barbaresco. Qui la sua famiglia gestisce ben 44 ettari, e ne deriva un ventaglio di tipologie diverse, ma accomunate da un timbro comune di tensione e precisione, senza rinunce preconcette - e non solo sui Nebbiolo - ai caratteri più “muscolosi” dell’uva. Prove eloquenti dell’impostazione, l’ultimo “100 mesi” Alta Langa pas dosé, che gioca giusto su questi toni, o la longeva Riserva Boito, proiettata sul lungo periodo. Ma a sedurre il palato con gli esiti della felice raccolta 2016 pensa questo raggiante Pajorè. Trama definita, bella e pura materia, festa dell’equilibrio. L’eleganza del frutto e la sua energia s’impongono al volo all’assaggio, ma a far la differenza è la marcata e già eloquente capacità espressiva del vino. E non è solo effetto – pur presente - d’annata. Conta, e molto, il carattere della vigna, tre ettari speciali al confine col comune di Barbaresco, 250-300 metri di quota, terreni marnosi molto poveri, ma faccia al sud. Una dialettica terra-luce-sole dall’esito che, per dirla col produttore/autore “esprime la sobria potenza di uno dei più grandi cru di Treiso”.

 

(Antonio Paolini)

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli