02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL 28 FEBBRAIO

Dalla Turchia all’Italia, gli chef italiani cucinano per aiutare i territori colpiti dal terremoto

Charity dinner di Erik Lavacchielli al Fourghetti di Bologna con Claudio Chinali del Terrazza Italia (Eataly Istanbul) per la Protezione Civile

Dalla Turchia all’Italia, gli chef italiani cucinano per aiutare i territori gravemente colpiti dal terremoto, fondendo nei loro piatti i sapori dell’Occidente e dell’Oriente. Erik Lavacchielli del ristorante Fourghetti di Bologna, il 28 febbraio, ospita Claudio Chinali, chef italiano all’estero, ai fornelli del “Terrazza Italia” by Eataly ad Istanbul, in una charity dinner il cui ricavato sarà destinato a sostegno della Protezione Civile, impegnata nell’acquisto di abitazioni prefabbricate per le popolazioni terremotate. Ma non solo, perché, dall’Italia alla Turchia, Chinali sarà anche in prima fila nell’organizzazione di una cucina da campo per offrire un pasto caldo ai terremotati e Lavacchielli lo raggiungerà con alcuni componenti della sua brigata. E chi lo vorrà, potrà anche sostenere la campagna benefica promossa dalla neonata “Vincenzo Montella Emergency”, la Onlus del campione italiano, allenatore dell’Adana Demirspor, quinta nel campionato turco, anche lui impegnato nel sostegno alle vittime del sisma.
Fourghetti non è nuovo a questo tipo di iniziative solidali e anche questa volta apre le sue porte per far fronte a questa emergenza umanitaria, un contributo dato attraverso l’ideazione di un evento unico che vedrà cucinare a quattro mani lo chef Lavacchielli insieme allo chef Chinali, due amici uniti per la solidarietà dopo il terremoto che ha colpito la Turchia e la Siria. Fourghetti propone una cucina ricca di contaminazioni, fortemente legata al territorio emiliano romagnolo, ma con sfumature dei Paesi arabi e del basso Mediterraneo. Terrazza Italia è un viaggio nel gusto tradizionale del Belpaese oltreconfine, combinato alla varietà delle materie prime turche.
Per questa speciale occasione i due chef hanno studiato un menu che è un incontro di culture. Si apre con un ça Kebab, aperitivo al barbecue ideato di concerto dai due cuochi e prosegue con l’antipasto di chef Chinali Insalata di rucola e carciofi, hummus di agrumi di Adana, olio, coriandolo e aneto. Poi è la volta di chef Lavacchielli con la Pancia di maialino da latte arrosto, composta di zucca piccante, formaggio di yogurt alle specie, salvia, noci, tahina. Chinali torna con due piatti: Risotto al grano firik alla salvia e finferli, filetto di agnello, salsa verde e Spalla di agnello al the nero, piselli, patate e pomodorini. Chiude il padrone di casa con Millefoglie di pasta fillo, cremoso al pistacchio, noci pecan, arancia candita, gelato al latte.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli