02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CALCIO E SAPORI

Dall’acqua al vino, dalla pasta ai salumi: il wine & food tra gli sponsor delle squadre di calcio

Agroalimentare sempre più a supporto della Serie A. E solo con i marchi sulle maglie c’è un “pasto completo, bevande e caffè incluso”
CALCIO, CIBO, SERIE A, SPONSOR, vino, Non Solo Vino
Dall’acqua al vino, dalla pasta ai salumi: il wine & food protagonista in Serie A

Un buon antipasto di saluti, un bel piatto di pasta, acqua, vino, birra e caffè a volontà: ce n’è per un pasto completo a guardare i main sponsor del wine & food che campeggiano sulle maglie delle squadre di Calcio del Campionato di Serie A, ma sono sempre di più, nel complesso, le realtà dell’agroalimentare e del beverage che, come sponsor, fornitori ufficiali e partneship di vario genere, sono a loro modo protagoniste del campionato di calcio che sta pian piano prendendo forma. Sulle maglie, per esempio, si va dall’Acqua Lete al Caffè Kimbo per il Napoli, dai salumi Beretta sulla divisa granata del Torino alla Pasta Maffei su quella giallorossa del Lecce e, ancora, da Sartori Vini sulla maglia del Verona, alla birra Ichnusa su quella del Cagliari. Ma c’è molto di più nella “dispensa” della Serie A, a partire dal vino.
Ferrari, per esempio, è partner ufficiale e storico della Juventus, Mentre il Milan si affida alla casa franciacortina La Montina e a quella veronese Collina dei Ciliegi per i suoi vini ufficiali. La cantina piemontese Santero, invece, firma gli spumanti di diversi team, come Inter, Roma e Sampdoria, mentre la cantina del Brunello di Montalcino Caparzo è protagonista dei brindisi della Lazio, il colosso trentino Cavit supporta il Torino e, ancora, il Cagliari vede tra i propri partner la cantina Argiolas. La sorprendente Atalanta che ha esordito in Champions League, invece, vede i propri vini ufficiali prodotti dalla cantina lombarda Caminella, ma brinda anche il Bologna, con le bottiglie della Umberto Cesari, mentre la Fiorentina ha il suo “Violone” firmato dalla Tenuta L’Entrata. Il Genoa, dal canto suo, risponde con le Cantine Federici, mentre il Parma risponde com Monte delle Vigne.

E questo, solo per stare sul legame tra nettare di bacco e pallone. Ma è tutto il comparto food, dalla pasta ai dolci, dai salumi al caffè, dalle acque alla frutta secca, a investire sempre di più nella visibilità legata al calcio italiano.

Tra i partner della Juventus campione in carica, per esempio, figurano marchi come De Cecco, Balocco, Noberasco, l’acqua Ganten, e ancora Noberasco, Wüber, Segafredo e Beebad, mentre tra quelli dell’Inter figurano marchi Peroni, Fratelli Beretta, Gatorade e Acqua Norda. Beretta e Peroni supportano anche il Milan, così come la pasta La Molisana, a sua volta anche supporter della Roma e anche della Spal, mentre il Napoli, forse la squadra con più supporter wine & food, punta su Garofalo, Pepsi, Mars, Parmacotto, Noberasco, Berna (Parmalat), Confetti Crispo, Don Peppe pizzeria, Blu Italia, Algida, Amadori, Pescheria da Poreo, Pescheria Mennella e sui succhi di frutta Yoga, addirittura in Edizione limitata.

Ancora, per restare ai top club, la Roma porta in tavola anche il caffè Kimbo, ancora la birra Peroni (tra gli sponsor più diffusi, insieme a Beretta), e Gatorade, la Lazio il Caffè Marramiero e l’Acqua Santa Croce, sponsor in comune con la Fiorentina, che annovera tra i suoi anche la Sammontana. Solo per fare uno spaccato degli investimenti dell’agroalimentare italiano nel massimo campionato di calcio del Belpaese, con il wine & food che, dunque, rappresenta una fetta sempre più importante del giro d’affari delle sponsorizzazioni calcistiche della Serie A che, nella scorsa stagione, ha toccato, nel complesso, la cifra di 420 milioni di euro, secondo il portale specializzato in finanza Money.it

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli