02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Dianella, Toscana Igt Orpicchio 2015

Vendemmia: 2015
Uvaggio: Orpicchio
Bottiglie prodotte: 1.500
Prezzo allo scaffale: € 35,00
Proprietà: Francesco e Veronica Passerin d’Entrèves
Enologo: Franco Bernabei
Territorio: Toscana

Nelle terre toscane sta facendo parlare di sé un nuovo vitigno, l’Orpicchio. Si tratta in realtà di una riscoperta: queste uve autoctone erano già note alla fine dell’800. Come risulta dal registro nazionale delle viti in cui è stato inserito nel 2007, può essere usato in 5 Igt toscane diverse. Negli ultimi dieci anni alcuni vignaioli le stanno rivalutando: tra questi c’è Dianella, che nel 2009 ha selezionato vecchi biotipi di Trebbiano identificando l’Orpicchio. Da una cernita dei vari biotipi e dalla loro riproduzione, su una collina a Vinci ha realizzato un vigneto dedicato, che ha mantenuto il più possibile le caratteristiche di biodiversità. Non più di seimila metri quadrati coltivati a biologico, che l’enologo Franco Bernabei intende espandere, perché l’Orpicchio è destinato a diventare il vino importante dell’azienda. Da questo piccolo grappolo giallo dorato dalla buccia spessa e croccante, che offre soltanto il 30-40% di succo, nasce un bianco in purezza. Dopo la vendemmia, le uve sono fermentate in legno a contatto con la feccia nobile e i lieviti in sospensione per 6-7 mesi. Il vino viene poi rimesso in vasca, lasciato decantare e messo in bottiglia. Il risultato è un vino di grandissima eleganza ed equilibrio, color giallo paglierino con leggere sfumature verdi, con sentori di fiori gialli, frutta tropicale e muschio. In bocca, permangono le note fruttate e muschiate.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli