02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PREVENZIONE

Dopo le gelate servono investimenti in tecnologia per proteggere le colture

Cia- Agricoltori Italiani: non solo conta dei danni ma consapevolezza che il climate change si affronta con tutta l’agricoltura europea in chiave Gree
CIA AGRICOLTORI ITALIANI, DANNI, GELATE, GREEN DEAL, PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIEBZA, PROTEZIONE, Non Solo Vino
I danni del gelo tra i campi italiani

Sono giorni decisivi per la conta dei danni causati dalle gelate della scorsa settimana che, con un balzo eccezionale delle temperature, hanno finito per togliere la primavera al 60% dell’agricoltura italiana, messa ko da Nord a Sud Italia, fino in Sardegna. Secondo una nuova stima di Cia - Agricoltori Italiani gli effetti del gelo sui campi, che potrebbe provocare un taglio della produzione anche totale e per diversi milioni di euro di danni, richiedono ora un piano d’emergenza con risorse ancora più straordinarie e nuove strategie contro i cambiamenti climatici. Servono, ribadisce Cia, migliori strumenti di gestione del rischio e incentivi - attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza - allo sviluppo di sistemi tecnologici di protezione delle colture. La straordinarietà delle forti e brusche variazioni meteorologiche nel momento di piena fioritura delle piante, sottolinea Cia, fa evidenziare, ora, l’urgenza di un nuovo approccio al problema delle calamità naturali da affrontare anche in Europa e in chiave Green Deal.
Dal Veneto al Piemonte, dall’Emilia-Romagna alla Toscana, ma anche in Umbria, Lazio e Sardegna, fino in Campania, Basilicata e Puglia, si è trattato di gelate che non si vedevano da 20 o 30 anni, ma che oggi si possono affrontare con consapevolezza e strumenti diversi e più innovativi, anche in piena crisi economica da pandemia.
In Umbria, sono ore critiche per le verifiche sull’olio, ma è certo che i -8 gradi hanno lasciato il segno sul territorio. Colpito il settore ortofrutticolo e quello vitivinicolo, con il Sangiovese e il Grechetto che registrano un danno di produzione notevole, ma non ancora quantificabile. Le due varietà della vite sono, infatti, le più precoci, oltre a essere quelle maggiormente coltivate in Umbria. Nel corso delle passate settimane, con punte di 27 gradi ad anticipare l’estate, si sono visti i primi germogli. Ora, la gelata ha bloccato lo sviluppo delle viti nel momento più importante. Con un clima ottimale da adesso fino alla vendemmia, si avrà una pianta ancora in salute, forse, ma con ben pochi frutti.
Un intero campo di tulipani a Foggia, il primo e l’unico in tutta la Puglia, è andato completamente distrutto. Nella regione, vigneti, frutteti, ortaggi, seminativi, mandorleti e fiori sono stati pesantemente danneggiati e, in molti casi, i prossimi raccolti potrebbero essere in parte o del tutto compromessi. Le gelate hanno colpito duro anche nel Barese, nella Bat, in provincia di Taranto, nel Brindisino e nel Leccese. Un disastro che porta a chiedere lo stato di calamità, ma anche un fondo assicurativo per tutelare le aziende agricole dagli eventi naturali e dalle crisi di mercato, in parte coperto dalla fiscalità generale e in parte dai fondi del Psr, per svincolare gli agricoltori sui rischi da assicurare e ridurre le franchigie.
“La rapidità del confronto sui territori perché si attivino le istituzioni a livello regionale è ora nelle ore decisive”, spiega il presidente Cia - Agricoltori Italiani, Scanavino. “Sul piano nazionale va fatta con urgenza una ricognizione degli strumenti vigenti e un’analisi del problema nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e del Next Generation Eu per ragionare sul lungo periodo, ma dare anche, subito, risposte concrete”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli