02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Fattoria dei Barbi, Toscana Igt Rosso Brusco dei Barbi 2017

Vendemmia: 2017
Uvaggio: Sangiovese, altre varietà a bacca rossa
Bottiglie prodotte: 50.000
Prezzo allo scaffale: € 7,00
Proprietà: Stefano Cinelli Colombini
Enologo: Maurizio Cecchini, Paolo Salvi
Territorio: Toscana

La Fattoria dei Barbi è tra le cantine più importanti del Brunello di Montalcino, per storia e lignaggio. Classicismo dunque, visibile a colpo d’occhio per esempio visitando la cantina e ammirando il caveau delle bottiglie storiche, da annate lontanissime nel tempo a quelle dei giorni nostri. Barbi conta attualmente su 66 ettari a vigneto, per una produzione complessiva di 600.000 bottiglie di cui 200.000 di Brunello di Montalcino, e si caratterizza per un portafoglio etichette diversificato, contando anche le etichette proveniente dai vigneti maremmani. Anche sul versante della produzione ad Igt della cantina con sede a Podernovi ritroviamo, tuttavia, una traccia dello stile classico aziendale, caratterizzato da vini ben centrati sul piano del bilanciamento e non privi di personalità e carattere. Il Brusco dei Barbi, per esempio, rosso uscito sul mercato per la prima volta nel 1969 ottenuto da un uvaggio con Sangiovese in prevalenza ed affinato in solo acciaio per qualche mese, è un vino versatile, immediatamente piacevole, e già modellato per le esigenze attuali. Il naso è dominato da un abbondante fruttato, che nella versione 2016, è particolarmente fragrante e rimanda al lampone e alla ciliegia, a cui fa da sottofondo qualche cenno floreale. In bocca è morbido all’attacco, ma dal tannino vivace e dalla buona freschezza acida nel suo sviluppo, chiudendo sapido e con ritorni fruttati.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli