02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CIBO & SCIENZA

Food&Science, a Mantova torna il festival che celebra tecnologia e progresso nell’agroalimentare

Parola chiave di questa edizione è “semi”, racconto vivente dell’evoluzione. Aa dare il via ai lavori, il Ministro delle Politiche Agricole Centinaio
agroalimentare, FOOD&SCIENCE FESTIVAL, SCIENZA, SEMI, TECNOLOGIA, Non Solo Vino
A Mantova il via oggi del Food&Science Festival

Il trend che negli ultimi anni ha invaso praticamente tutti gli aspetti della vita di milioni di persone in tutto il mondo è quello del “naturale”: cibo naturale, prodotti naturali, energia naturale... Ma cosa significa effettivamente naturale? Quello che usiamo nella quotidianità è tutt’altro che naturale, nel senso che in millenni di storia, l’uomo ha modificato, migliorato, adattato i frutti della natura alle sue necessità. E non si parla solo di peggioramenti, come si intende invece ultimamente: nel caso dell’agroalimentare, scienza e tecnologia hanno permesso a specie vegetali di diventare più resistenti, sopravvivere a funghi e malattie, adattarsi a diversi climi. Quindi, i frutti dell’agricoltura e la coltivazione, non possono essere intesi meramente come “doni della Madre Terra”, ma bensì l’incontro tra ciò che la terra offre e ciò che l’uomo è riuscito a far sopravvivere. Ed è anche una questione politica: sì, perché la questione del cibo è seria, e ha bisogno alle spalle di un sistema e di un Paese coeso e capace di progettare il suo futuro nei decenni a venire monitorando e migliorandola sicurezza alimentare e presidiando, mediante la genomica, alcune coltivazioni strategiche per il Paese.
Proprio questo è il focus del Food&Science Festival, al via oggi a Mantova, e che fino al 19 maggio, torna ad esplorare il mondo dell’agroalimentare. E che quest’anno ha come parola chiave i semi, che sono da intendere come racconto vivente dell’evoluzione e protagonisti di storie e mitologie, ricerche scientifiche e suggestioni artistiche.
Il tema conferma la vocazione del Festival a coinvolgere e sensibilizzare l’opinione pubblica su grandi temi scientifici di attualità, dal cambiamento climatico alle fake news fino alla resistenza agli antibiotici, con l’obiettivo di gettare qualche seme utile alla crescita culturale del Paese.
Ad inaugurare i lavori, il Ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, insieme a Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, e Michele Morgante dell’Istituto di Genomica Applicata, in un dialogo su “Come la scienza e le innovazioni agronomiche possono migliorare la produzione agricola sostenibile”. Il programma, è comunque ricco di eventi e ospiti, tra conferenze, mostre, laboratori, spettacoli e proiezioni, attività di scoperta del territorio, e una mostra mercato per scoprire la scienza dietro (e dentro) la tradizione, l’innovazione e l’arte attraverso occasioni informali di dialogo e sperimentazioni pratiche ideate per solleticare la voglia di saperne molto di più.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli