02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Gianni Gagliardo, Docg Barolo Lazzarito Vigna Preve 2014

Vendemmia: 2014
Uvaggio: Nebbiolo
Bottiglie prodotte: 2.200
Prezzo allo scaffale: € 95,00
Proprietà: famiglia Gagliardo
Enologo: Stefano Gagliardo, Daniele Benevello
Territorio: Barolo

I vigneti dei Poderi Gianni Gagliardo, in attività dal 1974, sono 30, a conduzione biologica, distribuiti tra Langhe e Roero, per una produzione complessiva di 160.000 bottiglie. Un’ampia collocazione geografica che caratterizza comunque la produzione a marchio Gagliardo, come rossista. L’azienda trova nella produzione di Barolo, Barbera, Dolcetto e Nebbiolo il suo core business, con etichette in generale dal bel carattere e qualitativamente solide. I vigneti coltivati per la produzione di Barolo, si trovano a La Morra, Barolo, Monforte d’Alba e Serralunga. Un’ampia distribuzione tra le migliori sottozone della denominazione, che ha caratterizzato fin qui i Barolo Gagliardo, nel solco del tradizionale uvaggio proveniente dai vari vigneti. Con il Barolo Lazzarito 2013 è stato inaugurato un nuovo percorso, quello della vinificazione “single vineyard” dei Cru, per amplificare carattere e personalità delle etichette al vertice della piramide qualitativa aziendale. A dispetto di quanto accaduto in altri terroir nobili dell'Italia enoica, in Langa l'annata 2014 non è stata poi così debole. Ne è una buona riprova il Lazzarito Vigna Preve, specchio fedele del suo millesimo e della zona da cui provengono le sue uve. I profumi sono già ben leggibili e spaziano dal frutto ai fiori, fino a nette note balsamiche. In bocca, il vino ha progressione gustativa articolata, elegante, incisiva e sapida.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli