02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA GRANDE CUCINA ITALIANA TIRA, E DIVENTA ANCHE TARGET DI INVESTIMENTO PER I GRUPPI INTERNAZIONALI DEL LUSSO

Il gruppo sudafricano del lusso Leeu Collection entra al 10% nel business dei fratelli Alajmo

Alajmo, Leeu Collection, Michelin, Non Solo Vino
Il brindisi tra lo chef Max Alajmo con Analjit Singh e Raf Alajmo

La grande cucina italiana tira, e diventa anche target di investimento: il gruppo sudafricano di hotel di lusso Leeu Collection è entrato con una quota del 10% in Alajmo S.p.A, l’azienda familiare dei fratelli Massimiliano Alajmo, il più giovane chef al mondo ad aver ricevuto le tre stelle Michelin con il suo Le Calandre di Rubano, e Raffaele Alajmo, amministratore delegato della società, e “maître des lieux”.
L’acquisto, spiega una nota ufficiale, rispecchia i precedenti investimenti da parte di Analjit Singh, proprietario di Leeu Collection, ognuno dei quali possiede un focus familiare; aziende come le sudafricane Mullineux & Leeu Family Wines o Riga Foods e Mamagoto della chef indiana Ritu Dalmia.

Una partnership nel segno dell’alto di gamma: la Alajmo S.p.A. gestisce quattro ristoranti gastronomici e sei caffè-bistrot, tra i quali i ristoranti Le Calandre e La Montecchia a Padova, Caffè Stern a Parigi e Grancaffè & Ristorante Quadri in Piazza San Marco a Venezia, oltre che curare una linea di prodotti gastronomici ed una società di eventi, il tutto supervisionato da Max da Le Calandre, suo creativo laboratorio culinario, che detiene tre stelle Michelin dal 2003.
Leeu Collection attualmente ha tre proprietà (Leeu Estates, Leeu House e Le Quartier Français, un hotel di 32 camere che include anche due ville indipendenti sempre all’interno del villaggio) a Franschhoek, Sud Africa, con la prossima riapertura nel giugno 2018 di Linthwaite House nel Lake District, dopo un anno di ristrutturazione. Altri due hotel sono in costruzione a Londra e Firenze.
“Dopo aver ri-acquisito le quote dall’azienda di investimenti italiana Palladio Finanziaria, io e mio fratello - spiega Raffaele Alajmo - abbiamo deciso di aprire le nostre porte ad un azionista straniero. Un incontro casuale con Analjit a Milano ha portato all’acquisto da parte sua di una quota di Alajmo S.p.A., in quello che speriamo sarà il primo passo verso una forte alleanza tra le nostre due aziende”.
“Sono sempre attratto dagli investimenti in business familiari che condividano una visione simile alla mia e, viste le molteplici sinergie tra Leeu e Alajmo, sono sicuro che i risultati di questa partnership saranno evidenti negli anni a venire”, ha commentato Analjit Singh.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli