02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CUCINA SOCIALE

Il “Refettorio”, progetto solidale e antispreco firmato da Massimo Bottura, sbarca a Firenze

Da Taste l’annuncio dello chef dell’Osteria Francescana di Modena, che arriva in Toscana dopo Milano, Parigi, Londra e Rio de Janeiro
FIRENZE, MAssimo Bottura, REFETTORIO, Non Solo Vino
Massimo Bottura, anima del progetto “Food for Soul”

A differenza di tanti suoi colleghi, il più grande chef italiano degli ultimi anni (lo dicono le classifiche, ndr), Massimo Bottura, che con la sua Osteria Francescana di Modena, tre stelle Michelin, ha raggiunto ben due volte il vertice della mitica “50 Best Restaurants”, non ha mai replicato la fortunata esperienza della Francescana altrove, se si esclude la breve parentesi del “Ristorante Italia” in cima al palazzo di Eataly di Istanbul. Ha avuto un seguito, invece, il progetto sociale e solidale del Refettorio Ambrosiano, nato con l’Expo di Milano per dare un pasto a chi non ce l’ha, abbattendo anche gli sprechi alimentari, che dopo la città meneghina è sbarcato a Parigi, Londra (Refettorio Felix) ed il Brasile (Refettorio Gastromotiva). E non finisce qui, perché proprio Bottura, che nel progetto “Food For Soul” è coinvolto in prima persona con la moglie Lara Gilmore, dal Taste di Firenze ha annunciato, senza offrire grandi dettagli, che il prossimo Refettorio aprirà proprio nel capoluogo della Toscana, dove lo chef modenese è legato già da qualche tempo, avendo firmato il menu del ristorante Gucci Garden. Quello che si sa, come rivela l’edizione fiorentina di “Repubblica”, è la location: l’Istituto degli Innocenti, in Piazza Santissima Annunziata, luogo da sempre legato all’accoglienza dei bambini, e quindi dall’altro valore simbolico.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli