02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TERRITORIO

In una generazione, l’Italia ha perso il 28% dei campi coltivati. Così Coldiretti su dati Istat

Cementificazione e abbandono hanno ridotto la superficie agricola utilizzabile (Sau) a 12,8 milioni di ettari
AGRICOLTURA, CEMENTIFICAZIONE, Coldiretti, ISTAT, Non Solo Vino
In una generazione, l’Italia ha perso il 28% dei campi coltivati

I giovani italiani staranno anche tornando all’agricoltura, come si sente dire spesso. Ma intanto, nell’arco di una generazione, l’Italia ha perso il 28% dei propri campi coltivati a causa della cementificazione e dell’abbandono che ha ridotto la superficie agricola utilizzabile a circa 12,8 milioni di ettari. Lo afferma la Coldiretti nel commentare lo studio dell’Istat secondo il quale l’Italia è al sesto posto fra i Paesi europei con la maggiore incidenza (6,9%) di superfici sepolte sotto asfalto e cemento subito dopo Malta (23,7%), Paesi Bassi (12,1%), Belgio (11,4%), Lussemburgo (9,8%) e Germania (7,4%).

“Un’espansione delle superfici artificiali che rischia di avere pesanti conseguenze su più fronti – sottolinea la Coldiretti - visto che la disponibilità di terra coltivata significa produzione agricola di qualità, sicurezza alimentare e ambientale per i cittadini nei confronti del degrado e del rischio idrogeologico. Un territorio meno ricco e più fragile per il consumo di suolo è più vulnerabile ai cambiamenti climatici considerato che le precipitazioni sono sempre più intense e frequenti con vere e proprie bombe d’acqua che il terreno non riesce ad assorbire. Il risultato - sostiene la Coldiretti - è che il 91% dei comuni italiani si trova in zone a rischio frane e/o alluvioni. Per proteggere la terra e i cittadini che vi vivono, l’Italia deve difendere il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilità di terra fertile con un adeguato riconoscimento sociale, culturale ed economico del ruolo dell’attività agricola”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli