02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MASTERCHEF ITALIA

Joe Bastianich lascia MasterChef Italia: “sento che è arrivato il momento di dedicarmi alla musica”

Bastianich era in giuria dalla prima edizione: dopo anni, adesso è il momento dell’altra sua grande passione. Ed i rumors lo vorrebbero già a X Factor
JOE BASTIANICH, MASTERCHEF ITALIA, Non Solo Vino
Joe Bastianich lascia ufficialmente la giuria di MasterChef Italia, per dedicarsi alla musica

“Sento che è arrivato il momento di dedicarmi a nuove avventure, soprattutto alla musica, una mia passione da sempre”. Con queste parole, in un lungo post su Instagram, Joe Bastianich dice addio ufficialmente a MasterChef Italia, il programma che per primo ha portato la cucina stellata e i grandi piatti gourmet nelle cucine di milioni di italiani. E proprio Joe Bastianich, già volto dell’edizione Usa di MasterChef, è stato parte della giuria dal primo giorno, in tutte le sue diverse formazioni, da quella originale con Carlo Cracco e Bruno Barbieri, poi con l’aggiunta di Antonino Cannavacciuolo, poi con Antonia Klugmann, entrata al posto di Cracco, fino all’ultima, con Giorgio Locatelli al posto della Klugmann. E che adesso, con l’addio di Bastianich, tornerà ad essere composta da tre giudici, tre grandi chef stellati. Personaggio eclettico, che non ha mai nascosto di esserlo, Bastianich ha deciso di dedicarsi al 100% quindi alla musica: “sono entusiasta dei nuovi progetti che stanno prendendo vita giorno dopo giorno - si legge ancora sul post Instagram - in campo musicale tra cui il mio primo CD in uscita, un tour musicale e alcuni programmi televisivi”. E così, mentre la produzione di MasterChef Italia gli augura in bocca al lupo per la sua nuova avventura, e, sempre attraverso i profili social, gli ricorda che “le porte della nostra cucina sono sempre aperte”, rumors vorrebbero già il ristoratore italo-americano giudice di un altro programma amatissimo, X Factor Italia.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli