02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

“La cosa che mi piace di più del vino è che mi rende felice. La cosa più bella di produrlo è vedere il sorriso che illumina il volto di chi lo beve”. Così a WineNews il cantante-produttore Sting, che ha inaugurato a Firenze le “Anteprime di Toscana”

Italia
Sting Trudie Styler e Shagghy bagnano con un brindisi la settimana della Anteprime di Toscana

“La cosa che mi piace di più del vino è che mi rende felice. La cosa più bella di produrlo è vedere il sorriso che illumina il volto di chi lo beve. Una bottiglia di vino è come una magica canzone che porta un “message in a bottle””. Così a WineNews il cantante e produttore Sting, che dal palco di Sanremo, nei giorni scorsi, ha calcato quello della Fortezza da Basso di Firenze, per il brindisi inaugurale delle “Anteprime di Toscana” (www.anteprimetoscane.it).

Nella doppia vesta di artista e “vigneron”, si è prima esibito nel suo grande classico, “Message in a bottle”, in un format ormai rodato (che lo ha visto protagonista negli anni passati prima a Opera Wine di Vinitaly e poi a ProWein), poi ha fatto visita ai 16 Consorzi presenti all’Anteprima, assaggiandone i vini, e poi ha fatto degustare le sue etichette de Il Palagio, insieme alla moglie Trudie Styler, all’amico e cantante Shaggy. Il primo atto di una settimana che, tra Chianti, Chianti Classico, Vernaccia di San Gimignano e Nobile di Montepulciano, si chiuderà ancora con Sting protagonista: sarà lui, infatti, come noto, a firmare la formella che fissa il rating della vendemmia 2017, a “4 stelle”, del Brunello di Montalcino, che sarà affissa al Palazzo Comunale di Montalcino, il 17 febbraio, dallo stesso Sting. Che nella sua poliedrica vita, è stato anche insegnante di disegno.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli