02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MADE IN ITALY

La pandemia consacra la pasta italiana: export a +16% nel 2020, e cresce la domanda interna

Usa mercato n. 1, previsioni di crescita per i prox 4 anni. In Italia +50 milioni di confezioni vendute. I dati in attesa di Tuttofood (ottobre 2021)
CONSUMI, EXPORT, PASTA, TUTTOFOOD, Non Solo Vino
La pasta, simbolo del made in Italy nel mondo, fa boom in pandemia

Era già uno dei piatti più amati al mondo, ma i lockdown (e il maggiore tempo a disposizione da passare a casa) l’hanno consacrata come la regina delle tavole globali. Parliamo di uno dei simboli più famosi del made in Italy, la pasta, le cui esportazioni nel 2020 hanno visto un vero e proprio boom (+16%, superando i 3,1 miliardi di euro), con gli Usa maggiori consumatori mondiali grazie a un +40% record che concretizza il sorpasso su Francia (+4,3%) e Germania (+16%). Ottimi risultati anche dalla Gran Bretagna (+19%) a dispetto della Brexit. Tra le migliori performance, a livello di zone produttive la Provincia di Parma (+43 milioni di euro verso la Francia) e i territori di Napoli, Avellino e Campobasso verso gli Stati Uniti. E non si tratta di una moda passeggera, visto che i dati di Statista prevedono che, dopo aver sfiorato i 123 miliardi di dollari nel 2021 (con la Cina che diventerà primo mercato con quasi 25 miliardi), a livello globale le vendite di pasta continueranno a crescere del 2,35% l’anno nei prossimi 4 anni. Numeri e trend che saranno al centro di Tuttofood, di scena, con Host, a Fieramilano (22-26 ottobre).
La pasta è stata una delle grandi protagoniste del carrello della spesa nel 2020 anche in Italia. Secondo i dati di Unione Italiana Food, partner di Tuttofood, nel Belpaese si sono vendute oltre 50 milioni di confezioni in più, con punte del +40% a marzo e +10% tra ottobre e novembre.
Sono cambiate anche le abitudini dei consumatori. La possibilità di cucinare di più a casa ha stimolato la ricerca di ricette innovative e prodotti diversi dal solito, ricorrendo talvolta alla pasta fresca surgelata, alternativa più pratica alla produzione “home made”. Un prodotto, quello della pasta fresca surgelata, che è stato molto gradito anche all’estero e che per la sua conservazione sottozero ha permesso a molte realtà produttive di superare i confini italiani, con la garanzia di esportare un prodotto senza conservanti, buono e sano.
Ma il 2020 non è stato solo l’anno del boom di consumo di pasta. Anche una nicchia come quella degli gnocchi ha vissuto i cambiamenti di questo periodo così particolare in positivo. Oltre al classico gnocco di patate abbinato a svariati sughi, il comparto ha affiancato una proposta alternativa: gli gnocchi ripieni. Nuovi formati, dunque, vengono richiesti dai consumatori che rivolgono particolare attenzione a diversificate forme di gusto e sapori, ma anche al packaging premiando le aziende più virtuose che presentano sul mercato imballi riciclabili e più sostenibili.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli