02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DA UN’IDEA DI DAVIDE RAMPELLO

La “poesia” del cibo italiano protagonista all’Expo 2020 Dubai raccontata da Gabriele Salvatores

Il “Saper Fare italiano” è il tema del Padiglione Italia, e il regista Premio Oscar racconta in un film le arti artigiane delle 15 Regioni partner

Dalla produzione di vino ed olio, dalla Puglia alla Sicilia, passando per il Lazio, alla tradizione dell’Aceto Balsamico di Modena, dai Confetti di Sulmona alla pasta all’uovo delle Marche, dal cioccolato del Piemonte alla Pasta di Gragnano, dalla Fabbrica della Liquirizia in Calabria al Peperone Crusco e il miele della Basilicata, dalla pesca del Gambero Rosso e l’Arte Pasticcera siciliana, ma anche della Sardegna, passando per le Colture Idroponiche dell’Università Federico II di Napoli. Le tradizioni e la poesia del cibo italiano sono assolute protagoniste all’Expo 2020 Dubai (1 ottobre 2021-31 marzo 2022), la prima Esposizione Universale nel mondo arabo, in ritardo di un anno per la pandemia, dove il “Saper Fare italiano” sarà il tema del Padiglione Italia, nato da un’idea del direttore artistico Davide Rampello e raccontato in un film dal regista Premio Oscar Gabriele Salvatores, con Indiana Productions, dedicato alle arti artigiane e manifatturiere dell’agroalimentare, della meccanica, del design e dell’esercizio delle tecnologie più sofisticate, ovvero il made in Italy che il mondo ci invidia, delle 15 Regioni partner che sono al centro del percorso espositivo (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto, il più alto numero portato ad un’Expo). Una narrazione della bellezza italiana, sotto il claim “La bellezza unisce le persone”, che passa anche attraverso i paesaggi e l’arte, dalle Langhe alle Colline del Prosecco, fino all’Etna.
“Quando Davide Rampello mi ha parlato della sua idea, il “Saper Fare italiano”, mi è venuto subito in mente Pier Paolo Pasolini - spiega il regista di pellicole che hanno segnato la storia del cinema italiano come “Mediterraneo” e “Io non ho paura” - perché nei suoi scritti sull’Italia, la cultura italiana, sulle nostre tradizioni e la nostalgia della perdita del lavoro nelle campagne, del saper fare con le mani, parlava spesso del fatto che il nostro Paese si basa molto sul lavoro con la natura. I suoi asset sono il saper coltivare, il saper cucinare, il saper costruire. È vero siamo un Paese industriale, ma la nostra tradizione deve rimanere al saper fare il pane, per esempio. Ho pensato che attraverso le mani gli uomini fanno le cose, e ad un bellissimo lavoro del fotografo Sebastião Salgado che si chiama “La mano dell’uomo”, e le prime immagini che mi sono “apparse” del film sono proprio le mani, ma anche le facce ed i particolari del lavoro. Abbiamo deciso di girarlo privilegiando questo aspetto, cercando di far sentire attraverso le immagini i profumi del grano e della farina e l’atmosfera del lavoro in una fabbrica, e ci siamo ritrovati a viaggiare in questo Paese che cambia continuamente e nel giro di pochi km è come ritrovarsi in un altro posto, addirittura con un’altra cultura, un’altra cucina, a volte con un’altra lingua. E questo che potrebbe essere un problema si rivela invece un grande vantaggio, perché non esiste altro Paese al mondo con tanta varietà di cose importanti da vedere e da gustare. Il cibo è sicuramente per l’Italia una delle cose più importanti. Girare in bianco e nero ha dato al film un’immagine quasi sacrale, iconica e diversa dal mondo colorato in cui viviamo, ponendolo fuori dal tempo. Il regista Wim Wenders diceva che il bianco e nero è più fantastico del colore, proprio per questo motivo. Allo stesso modo abbiamo scelto di stare stretti su quello che si sta facendo: si vedono gli ambienti ed i luoghi in cui le persone lavorano, ma soprattutto cosa stanno facendo in maniera molto minimale. Dalle donne in Piemonte che, tutte insieme, fanno i Tajarin ed i Ravioli del plin, ai meccanici di macchine supertecnologiche, da chi fa le forcole delle gondole a Venezia ai vetrai di Murano, passando per le coltivazioni del grano al Sud. Io stesso ho scoperto cose meravigliose che non conoscevo, e mi sono innamorato ancora di più del nostro Paese. Se fossimo più fieri e consapevoli delle nostre capacità, probabilmente staremo meglio tutti”.
Il racconto, costruito da Salvatores con le Regioni, sarà visibile al Padiglione Italia, nel “Belvedere” con proiezioni a 360° dei paesaggi italiani più suggestivi, e con il “Saper Fare italiano”, raccontato su uno schermo di 100 metri quadrati e capace di mostrare al visitatore il meglio dell’artigianalità made in Italy.

Le Monografie del “Saper Fare italiano”: i soggetti delle riprese di Salvatores
- Basilicata: Peperone Crusco; Miele; Indotto Automotive di Melfi
- Calabria: Museo della Liquirizia e Fabbrica della Liquirizia; Produzione Artigianale Pipe; Porto di Gioia Tauro, tecnologia a servizio carico e scarico container
- Puglia: Grottaglie; Ceramiche Fasano; Olio e Vino
- Sicilia: Economia del Mare e della Pesca (Pesca del Gambero Rosso); Arte Pasticcera; Economia del Vino - Marsala
- Marche: Pasta all’uovo; Prodotti artigiani in pelle; Cantieri delle Marche, Yatch
- Emilia-Romagna: Casa motociclistica, Borgo Panigale; Consorzio Aceto Balsamico; Robotica
- Abruzzo: Confetti, Sulmona; Arte Orafa, Scanno; Aerospazio, Ortucchio
- Campania: Melissa, Progetto di Colture Idroponiche dell’Università Federico II; Manifattura: Il Presepe; Pasta di Gragnano
- Lazio: Aerospazio, Colleferro; Vitivinicoltura; Nanoshare 4.0
- Piemonte: Cioccolato; Aerospazio; Moda
- Sardegna: Lavorazione del marmo Orosei; Radiotelescopio San Basilio; Arte dolciaria

“Belvedere”: i luoghi oggetto delle riprese del regista Premio Oscar Salvatores
- Basilicata: Matera; Osservatorio Astronomico di Anzi; Calanchi
- Calabria: Parco del Pollino ed i Pini Loricati; Parco di Scolacium con ulivi e ruderi della Basilica; Tropea
- Puglia: Castel del Monte; Gargano, Grotte, Baia delle Zagare; Lecce, Piazza Duomo
- Sicilia: Etna; Isole Egadi; Valle dei Templi
- Marche: Urbino; Grotte di Frasassi; Ascoli Piceno
- Emilia-Romagna: Delta del Po; Basilica di San Vitale; Stazione di Calatrava
- Veneto: Dolomiti d’Ampezzo; Colline del Prosecco; Venezia
- Friuli-Venezia Giulia: Porto di Trieste; Castello di Miramare; Pozze Smeraldine
- Abruzzo: Costa dei Trabocchi; Campo Imperatore; Pescara
- Liguria: Cortile Palazzi del Sistema dei Rolli (Giardino Palazzo Reale); Abbazia di San Fruttuoso; Dolceacqua
- Campania: Pompei; Ravello; Teatro San Carlo
- Lazio: Colosseo; Civita di Bagnoregio: Abbazia di Montecassino
- Piemonte: Isole Borromee; Reggia di Venaria; Langhe (Castello di Grinzane Cavour)
- Sardegna: Bosa; Barbagia; Porto Flavia, Pan di Zucchero
- Umbria: Cascata delle Marmore; Castelluccio; Perugia

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli