02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CRONACA

L’arresto del boss latitante Matteo Messina Denaro, un colpo al cuore delle agromafie

Coldiretti: dai campi alla tavola, l’agroalimentare è diventato un settore prioritario di investimento della malavita, che vale 24,5 miliardi di euro
AGRICOLTURA, AGROMAFIE, ARRESTO, Coldiretti, CRIMINALITA ORGANIZZATA, MAFIA, MATTEO MESSINA DENARO, Non Solo Vino
L’arresto del boss Matteo Messina Denaro sferra un colpo alle agromafie

L’arresto di Matteo Messina Denaro, boss di Cosa Nostra latitante da 30 anni, in una clinica di Palermo, apre i siti di informazione italiani ed internazionali. È una cattura storica, ed un colpo importante assestato alla mafia siciliana, o almeno ai suoi vertici, che ha da sempre interessi radicati in vasti comparti dell’agroalimentare. “Dai campi alla tavola, l’agroalimentare è diventato un settore prioritario di investimento della malavita, con il business criminale delle agromafie che ha superato i 24,5 miliardi di euro”, come ricorda il presidente Coldiretti Ettore Prandini, che esprime apprezzamento per la cattura del boss e ringrazia magistrati, carabinieri dei Ros e tutte le forze dell’ordine.

La criminalità, con l’intermediazione, distrugge la concorrenza e il libero mercato legale, soffocando l’imprenditoria onesta e compromettendo in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l’effetto indiretto di minare profondamente l’immagine dei prodotti italiani ed il valore del Made in Italy. Le mafie nelle campagne - continua Coldiretti - operano attraverso furti di attrezzature e mezzi agricoli, racket, abigeato, estorsioni, o con il cosiddetto pizzo anche sotto forma di imposizione di manodopera, di servizi di trasporto o di guardiania alle aziende agricole, danneggiamento delle colture, aggressioni, usura, macellazioni clandestine, caporalato e truffe nei confronti dell’Unione Europea, fino al controllo di intere catene di supermercati e ristoranti. L’arresto di Matteo Messina Denaro rappresenta, dunque, un momento storico, che mette la parola fine ad una latitanza che ha impoverito l’economia e la reputazione del Paese.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli