02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Le Poggette, Umbria Igt Canaiolo 2012

Vendemmia: 2012
Uvaggio: Canaiolo
Bottiglie prodotte: 11.000
Prezzo allo scaffale: € 12,00
Proprietà: Giorgio Lanzetta
Enologo: Claudio Gori
Territorio: Umbria

Può un vitigno, trascurato ed emarginato da più di un secolo e mezzo risorgere a nuova vita? Bella domanda, ma la parabola del Canaiolo è questa sin dalla rivoluzione ricasoliana che scalzò la varietà, sino ad allora dominante in Chianti Classico e non solo, dalle vigne, privilegiando il più intenso Sangiovese nei vini da imbottigliare. C’è chi continua a crederci però e l’azienda Le Poggette di Montecastrili in provincia di Terni è sicuramente in cima all’elenco dei convinti. Bella realtà in un’area, ad eccezione di Orvieto, poco nota per le produzioni vitivinicole, ma che produce, assieme ad un ottimo Canaiolo, un ampio e saporito Grechetto e un Montepulciano che compete bene con i migliori esemplari della costa Adriatica, impresa sicuramente non semplice (i proprietari infatti sono arrivati in Umbria dall’Abruzzo). Merito di due indaffarati professionisti, direttore Franco Santucci che ha dedicato la vita a questa cantina, e Claudio Gori, artefice dei vini. Ideale le esposizioni a sudovest, buoni i suoli argillosi che aggiungono sostanza ai tannini, caldo il microclima, importante per un’uva tardiva maturazione. Il Canaiolo è affinato in tonneaux, più gentili delle barrique nel loro impatto sul vino, e Gori è stato fra i primi fra i colleghi ad utilizzarli con convinzione. Fragrante, setoso e lungo il vino che aspira solo ad essere sé stesso e incontestabilmente ci riesce.

(Daniel Thomases)

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli