02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FOOD TRENDS

Mandorla, zenzero e curcuma: i “must have del momento” secondo l’Osservatorio Immagino

La “top list” degli prodotti alimentari benefici più amati, in base ai dati di vendita del 2018. Con la grande crescita dell’avocado
AVOGADO, FOOD TREND, MANDORLE, OSSERVATORIO IMMAGINO NIELSEN GS1 ITALY, Non Solo Vino
Mandorla, zenzero e curcuma: i “must have del momento” secondo l’Osservatorio Immagino

Le tendenze degli ultimi anni in fatto di cibo riflettono un cambio di atteggiamento a tavola e nella spesa: i consumatori odierni sono sempre più meticolosi nella ricerca di cibi salutari, che rispondono all’esigenza di sostenibilità ambientale e sociale.

Dalla mandorla allo zenzero, passando per la curcuma, dalla canapa all’alga spirulina, dal mirtillo al farro e dall’avocado allo zucchero di canna: questi, secondo uno studio dell’Osservatorio Immagino Nielsen Gs1 Italy, condotto in base ai dati di vendita del 2018, sono gli ingredienti più benefici e trendy del momento.

La classifica, redatta su 64.800 etichette di prodotti alimentari confezionati e venduti nella Grande distribuzione organizzata (Gdo) in Italia, rivela che la numero uno per numero di prodotti e incidenza sulle vendite totali è la mandorla, registrando un aumento delle vendite del +7,7%. Mentre l’avocado è l’alimento con il maggior tasso percentuale di crescita delle vendite (+121,0%), anche se la sua presenza sugli scaffali non è ancora molto diffusa. L’avena, ricca di fibre, si afferma nei cereali per la colazione, in yogurt e bevande ed è l’ingrediente che ha aumentato di più il suo giro d’affari in termini reali. Un ingrediente di grande successo è anche lo zenzero, nel 2018 ha registrato, infatti, un +37,4% di vendite. Risultati positivi anche per la curcuma (+71,5% ), la cannella (+11,6%), il cocco (+9,7%) e tutto il mondo dei semi, tra cui quelli di lino, di chia e di zucca. Il tè matcha e l’acqua di cocco sono, invece, le promesse del futuro.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli