02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Morelli, Doc Bianchello del Metauro Borgo Torre 2017

Vendemmia: 2017
Uvaggio: Bianchello
Bottiglie prodotte: 15.000
Prezzo allo scaffale: € 16,00
Proprietà: Claudio Morelli
Enologo: Riccardo Cotarella
Territorio: Marche

Dietro a una "piccola" uva c'è spesso una storia antica e lunghissima. E per piccola non si intende di poco valore, ma semplicemente molto circoscritta. È il caso del Bianchello del Metauro, autoctono marchigiano che cresce in pochi comuni del Pesarese. La sua origine parrebbe risalire all'avanti Cristo ed è citato da Tacito che racconta della sconfitta dei Cartaginesi ad opera dei Romani a causa di una sbornia a base di Bianchello presa dall'esercito di Asdrubale. Supposizioni storiche a parte, quest'uva, geneticamente, deriverebbe dal Trebbiano, ma l'esistenza così remota sui territori tra Pesaro e Urbino - un'areale che va dal mare fino a 1700 metri di altezza - ne fa un'uva dalle caratteristiche peculiari. Ne sa qualcosa Claudio Morelli, che al Bianchello dedica gran parte del suo lavoro di vignaiolo con l'omonima azienda a Fano dalla fine degli anni '70 del secolo scorso. Più di venti ettari di proprietà e sei diversi vigneti dedicati al Bianchello con diversi microclimi. Quello scelto da noi, il Borgo Torre, è tra i più lontani dal mare - circa 35 chilometri - è ha la stoffa del vino "di montagna". Pur partendo da un'uva piuttosto neutra, ritroviamo dei terziari accattivanti e un bouquet delicato di fiori bianchi. L'acidità non è il suo forte, ma gioca bene la partita della mineralità. Può contare anche su una materia glicerica avvolgente, pur facendo solo acciaio.

(Francesca Ciancio)

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli