02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Tormaresca, Salento Igt Negroamaro Masseria Maìme 2015

Vendemmia: 2015
Uvaggio: Negroamaro
Bottiglie prodotte: 30.000
Prezzo allo scaffale: € 25,00
Proprietà: famiglia Antinori
Enologo: Davide Sarcinella, Antonio Caputo
Territorio: Puglia

Tormaresca è il progetto enologico pugliese della famiglia Antinori, che insieme al Castello della Sala in Umbria, a Prunotto in Barolo e Montenisa in Franciacorta, rappresenta la “variazione” sul tema enoico toscano dell’azienda fiorentina. Senza dimenticare poi l’estero: Antica Napa Valley, Haras de Pirque Cile, Col Solare Washington State, Stag’s Leap Napa Valley, Tűzkő Ungheria, Meridiana Wine Estate Malta e Vitis Metamorfosis Romania. Nato nel 1998, si compone di due unità produttive entrambe provviste di cantina. La tenuta Bocca di Lupo, 130 ettari a vigneto, si trova nella Murgia barese, nelle vicinanze di Minervino, forse una delle zone che meglio esprime l’originalità dei vini pugliesi, proprio al centro della Doc Castel del Monte. Oltre ai vitigni locali Nero di Troia, Aglianico, Moscato Reale e Fiano pugliese, nell’azienda sono allevati Chardonnay e Cabernet Sauvignon. Masseria Maìme, invece, sorge nell'Alto Salento, non lontano da San Pietro Vernotico, in provincia di Brindisi. Conta su un’estensione vitata di 250 ettari e vi si allevano i mediterranei Negramaro e Primitivo, accanto a Chardonnay, e Cabernet Sauvignon. Lo spettro olfattivo del Negroamaro Masseria Maìme 2015 poggia su un frutto intenso e maturo, intervallato da rimandi speziati e tocchi affumicati e balsamici. Al palato il sorso è lievemente sapido e la struttura possiede un tannino morbido e ben integrato.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli