02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BATTAGLIA DEI DAZI

Wto, via libera alla Ue: 4 miliardi di dollari di dazi agli Usa. Via le tariffe sul made in Italy?

Nella disputa Boeing-Airbus, si riequilibra il peso delle sanzioni. Coldiretti: superare i dazi Usa al 25% sui prodotti dell’agroalimentare italiano
AIRBUS, BOEING, Coldiretti, DAZI, MADE IN ITALY, UE, USA, Non Solo Vino
Usa, la Wto autorizza 4 miliardi di dazi dalla Ue

“Ci sono le condizioni per superare i dazi aggiuntivi Usa che colpiscono il 25% delle esportazioni agroalimentari made in Italy per un valore di circa mezzo miliardo di euro su prodotti come Grana Padano, Gorgonzola, Asiago, Fontina, Provolone ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi agrumi, succhi e liquori come amari e limoncello”. A dirlo è il presidente Coldiretti Ettore Prandini, commentando l’attesissima decisione del Wto, che autorizza l’Unione Europea ad applicare dazi per 4 miliardi di dollari a prodotti e servizi americani in relazione alla vicenda degli aiuti Usa a Boeing, dopo che per la stessa vicenda gli Usa erano stati autorizzati il 24 luglio 2019, ad applicare sanzioni per un limite massimo di 7,5 miliardi di dollari all’Unione Europea. La decisione dell’Organizzazione mondiale del commercio - ricorda la Coldiretti - arriva ad un anno dall’entrata in vigore dei dazi Usa su una lunga lista di prodotti italiani ed europei, ed in coincidenza con la visita nel Belpaese del Segretario di Stato Usa Mike Pompeo.
“Occorre ora avviare un dialogo costruttivo ed evitare l’acuirsi di uno scontro dagli scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull’economia e sulle relazioni tra Paesi alleati in un momento drammatico per gli effetti della pandemia”, continua il presidente Coldiretti Ettore Prandini, sottolineando che “l’Unione Europea ha appoggiato gli Stati Uniti per le sanzioni alla Russia che, come ritorsione, proprio all’inizio di agosto di sei anni fa ha posto l’embargo totale su molti prodotti agroalimentari, come i formaggi, costato al made in Italy 1,2 miliardi. È ora paradossale che l’Italia si ritrovi nel mirino proprio dello storico alleato, con pesanti ipoteche sul nostro export negli Usa. Al danno peraltro si aggiunge la beffa, poiché il nostro Paese - ricorda Prandini - viene punito dai dazi Usa nonostante la disputa tra Boeing e Airbus, causa scatenante della guerra commerciale, sia essenzialmente un progetto franco-tedesco al quale si sono aggiunti Spagna e Gran Bretagna”.
Tra l’altro gli Stati Uniti, dice la Coldiretti, sono il primo mercato extraeuropeo per i prodotti agroalimentari tricolori per un valore che nel 2019 è risultato pari a 4,7 miliardi, con un ulteriore aumento del 4,8% nei primi 6 mesi 2020, anche se a giugno le difficoltà causate dal coronavirus hanno fatto segnare una inversione di tendenza (-0,9%). La presenza di un clima più positivo, conclude la Coldiretti, è dimostrata dalla scelta degli Stati Uniti lo scorso mese di agosto di evitare nuovi dazi sui prodotti agroalimentari made in Italy rispetto alla minaccia iniziale di estenderli gli aumenti tariffari anche a vino, olio e pasta. In questo contesto è importante la visita del Segretario di Stato Mike Pompeo che già nel precedente viaggio in Italia era stato accolto dagli agricoltori della Coldiretti con Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutti di Parma e San Daniele, Extravergine di Oliva, pasta, conserve di pomodoro, Prosecco, Chianti ed altri vini oltre ad una selezione di specialità abruzzesi insieme ad cartelli e bandiere con inviti all’amicizia tra i due Paesi.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli