02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FIPE

A Capodanno 6,3 milioni di italiani brindano al ristorante, per una spesa di 507 milioni di euro

In vista della notte più lunga dell’anno, voleranno più tappi di Prosecco, Franciacorta e Trentodoc che di Champagne
CAPODANNO, FIPE, FRANCIACORTA, PROSECCO, TRENTODOC, Italia
Il Capodanno al ristorante secondo la Fipe

Saranno 6,3 milioni (contro i 6,2 milioni del 2017) gli italiani che aspetteranno il 2019 in uno dei 93.000 ristoranti d’Italia aperti l’ultimo dell’anno, con un cenone che costerà in media 80 euro (94 euro con un vero e proprio veglione), per una spesa complessiva di 507 milioni di euro, che fa ben sperare i ristoratori del Belpaese in vista della notte più lunga dell’anno, dove voleranno più tappi di Prosecco, Franciacorta e Trentodoc che di Champagne. Ecco le previsioni della Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi in vista di San Silvestro, quando nove ristoranti su dieci punteranno ad offrire solo la cena per la notte di Capodanno, mentre il restante 10% metterà a punto per i propri clienti anche un vero e proprio veglione con spettacoli dal vivo e musica. Per brindare al nuovo anno nei ristoranti si stapperanno 1,8 milioni di bottiglie tra bollicine italiane e Champagne: con Prosecco, Franciacorta, Trentodoc e Asti che avranno l’esclusiva del brindisi nel 66,7% dei locali e nel 28,1% in condivisione con lo Champagne, mentre nel 5,3% dei locali le bollicine francesi saranno da sole sui tavoli dei ristoranti.
“I dati che abbiamo raccolto mettono le nostre attività al centro della festa più lunga dell’anno e della voglia di convivialità degli italiani - ha dichiarato Giancarlo Deidda, vice presidente Fipe - circa 600.000 persone saranno al lavoro per permettere a tanti di festeggiare prestando la massima attenzione alle condizioni di sicurezza perché quella del 31 deve essere una bella notte. I pubblici esercizi restano un modello di ospitalità verso cui italiani e stranieri manifestano sempre grande apprezzamento”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli