02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E SOLIDARIETÀ

A rischio scomparsa per colpa del decreto Sicurezza, la squadra dei profughi salvata da Astoria

A Treviso Filippo Polegato rimedia al taglio dei fondi all’accoglienza che minacciava un bell’esempio di integrazione, fondato sul calcio
ACCOGLIENZA, ASTORIA WINES, FILIPPO POLEGATO, Italia
Paolo e Filippo Polegato, a capo di Astoria Wines

Nell’Italia di oggi, impaurita ed arroccata, in balia di un securitarismo spesso pronto a sacrificare, anche per legge, principi sacrosanti come lo sono quelli dell’accoglienza e della solidarietà, resistono, seppure a fatica, esperienze di accoglienza ed integrazione, in cui i migranti, arrivati in Italia in fuga dalle guerre, dalla fame, o più semplicemente in cerca di un futuro migliore, non sono né braccia da sfruttare né ospiti indesiderati, ma persone, protagonisti di storie diverse. Una di queste, ci porta a Treviso, nel cuore del Veneto e del Prosecco, dove il decreto Sicurezza ed il taglio dei fondi destinati all’accoglienza (stanziati dall’Europa, a cui l’Italia ha praticamente deciso di rinunciare, ndr) hanno portato alla fine della squadra di calcio dei profughi della ex caserma Serena. Anzi, alla “quasi” fine, perché venuto a conoscenza della situazione, ha deciso di intervenire Filippo Polegato, il figlio di Paolo, presidente di Astoria Wines, uno dei produttori di punta del Prosecco, e per niente nuovo ad iniziative importanti ed impattanti nel segno della responsabilità etica, del rispetto, dell’antirazzismo e dell’integrazione, per farsi carico della squadra e garantire così l’iscrizione al prossimo campionato Amatori. “Quello della squadra della Serena è un bel progetto che non andava disperso - ha spiegato Filippo Polegato a “Tribuna Treviso” - ci abbiamo messo un attimo a trovare l’accordo con Gian Lorenzo (Marinese, presidente della Nova Facility, l’associazione che si è fatta carico dell’accoglienza e della gestione dei ragazzi, ndr). Gli ho chiesto se potevamo dare un aiuto e ci siamo stretti la mano”. Così, il prossimo anno la squadra scenderà in campo con lo sponsor Astoria Wines sulle maglie, pronta a sfidare di nuovo gli avversari del campionato amatori di Serie A.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli